5×1000

5x1000 2015 per pagina sito5×1000 BUONI MOTIVI PER SOSTENERE A SUD!!

 

Supporta le nostre attività e le battaglie che sosteniamo destinandoci il 5×1000 nella tua dichiarazione dei redditi!

E’ un gesto che non costa nulla ma che può fare tanto!

 

La raccolta del 5×1000 rappresenta per la nostra associazione la più importante fonte di autofinanziamento, fondamentale per garantirci sostenibilità ed indipendenza e per permetterci di continuare a lavorare dal basso in Italia come nei Sud del mondo costruendo ponti di solidarietà, sostenendo le lotte territoriali, portando avanti campagne politiche per la giustizia ambientale e sociale e in difesa dei beni comuni e dei diritti umani e progetti di cooperazione che rafforzino le comunità assieme alle quali camminiamo.

 

SCARICA E DIFFONDI I MATERIALI:

 

Lettera / Campagna 5×1000 buoni motivi

Pieghevole / Campagna 5×1000 buoni motivi

Video / 5×1000 ad A Sud: Aiutaci a costruire il Piano B

 

PERCHE’ SOSTENERCI?

 

È una scelta importante sostenere quelle realtà che come noi propongono e difendono un’idea della società che, per superare la crisi, punti ad una sempre maggiore inclusione sociale, ad una cooperazione ‘altra’, orizzontale e partecipativa, alla difesa dei beni comuni, alla ricostruzione di spazi pubblici e comunitari, ridando valore alla democrazia e alla partecipazione dei cittadini e delle cittadine e rispondendo alla crisi non attraverso la riduzione dei diritti ma anzi garantendoli e impegnandoci per affermarne di nuovi.
-
Siamo convinti sia solo attraverso questo impegno e valori e principi come la pace, la solidarietà, la giustizia sociale ed ambientale che possiamo riuscire insieme a dare una risposta alla crisi.

 

Grazie a voi possiamo riuscire a resistere nel mezzo della crisi e soprattutto continuare a lottare per costruire un futuro in cui la solidarietà, l’inclusione, la comprensione dell’altro, la difesa dei beni comuni e la giustizia sociale siano i valori su cui si fonda la convivenza di tutti i popoli su questo pianeta.

 

E’ per questo che il tuo contributo è fondamentale.  Sostieni A  Sud con la tua firma per il 5X1000! 

E’ un piccolo gesto che fa la differenza!

 

COME FARE?

 

Basta firmare nella dichiarazione dei redditi nella sezione “sostegno al volontariato” e inserire nell’apposito spazio il Codice Fiscale di A Sud: 97296720580

 

 

Contattaci per avere informazioni e materiali:

 

amministrazione@asud.net

+39.06.36003373

Informazioni utili:

 

Le scelte della destinazione dell’8 e del 5 per mille dell’IRPEF non sono in alcun modo alternative fra loro e possono pertanto essere entrambe espresse. Tali scelte non determinano maggiori imposte dovute.

Anche se non scegli a chi destinare il tuo 5 per mille, la tua quota verrà comunque destinata dallo Stato.

La trasparenza nell’utilizzo dei fondi destinati è garantita dall’obbligo di rendicontare all’agenzia delle entrate, entro un anno dalla ricezione del contributo, in modo chiaro e trasparente quale sia stata la destinazione delle somme percepite. -

 

CODICE FISCALE A SUD: 97296720580 

 

Negli ultimi anni grazie anche al 5×1000 abbiamo potuto, in italia:

  • costruire assieme a comitati, cittadini, ricercatori il primo Atlante Italiano dei Conflitti Ambientali, strumento di mappatura partecipata e piattaforma web di consultazione gratuita
  • aprire uno Sportello Informativo sulla Giustizia Ambientale e Sociale – SIGAS attraverso cui orientare e sostenere i cittadini e le comunità impattate da fattori di rischio ambientale
  • partecipare attivamente a molti dei percorsi in difesa dei beni comuni, dei territori, della salute, dei diritti e della democrazia
  • lavorare, assieme a molte altre donne e uomini del nostro paese, per riempire nuovamente di senso la parola partecipazione, sperimentando assieme strumenti di inclusione dei cittadini e delle comunità alle decisioni che riguardano la propria vita e la gestione di risorse e territori;
  • contribuire a difendere i diritti dei lavoratori, sotto attacco nel nostro paese a causa dell’avidità di un modello di sviluppo (e quindi di produzione) che non esita a calpestare diritti consolidati e ambiente in nome della competitività e dei profitti di pochi;
  • lavorare, assieme ai sindacati, alle organizzazioni sociali e alla società civile, su temi urgenti come la riconversione e la transizione industriale, il consumo critico, l’altra economia;
  • continuare a formare studenti, stagisti e laureandi ai temi della giustizia sociale, dell’educazione ambientale, della solidarietà presso scuole, istituti e nelle nostre strutture;
  • difendere la necessità di un reddito sociale per ridare dignità a quanti se la vedono sottratta, senza possibilità di futuro, schiacciati da uno stato di precarietà che va oltre il lavoro e abbraccia ormai ogni aspetto della vita dei giovani (e meno giovani) del nostro paese;
  • partecipare assieme a movimenti e organizzazioni sociali di tutto il mondo alle battaglie epocali che si stanno combattendo per la difesa dei territori e per salvezza del pianeta: fermare i cambiamenti climatici, lottare per la giustizia ambientale e sociale, costruire dal basso modelli altri di economia, di convivenze e di socialità;
  • diffondere nel nostro paese una cultura altra della politica e delle relazioni umane che torni ad avere al centro l’etica e il rispetto dell’altro e che punti al Buen Vivir piuttosto che allo sfruttamento sfrenato delle risorse e alla crescita infinita
  • aprire e gestire in Italia un Centro di Documentazione sui Conflitti Ambientali per analizzare, documentare e denunciare i conflitti generati dallo sfruttamento di risorse nei Sud del mondo www.cdca.it

 

Negli ultimi anni grazie anche al 5×1000 abbiamo potuto, nel mondo:

  • costruire una casa per sostenere la lotta delle donne indigene Wayùu per la giustizia e la riparazione delle vittime di violenza  in Colombia
  • assicurare sostegno sanitario al popolo indigeno colombiano Nukak, a rischio d’estinzione
  • costruire 26 radio comunitarie per le comunità indigene colombiane
  • costruire il sistema di irrigazione per 600 famiglie ad Achacachi in Bolivia
  • costruire una rete fognaria per 3.000 famiglie a Cochabamba, in Bolivia

 

 

Come compilare la dichiarazione dei redditi per devolverci il tuo 5×1000:

  • CUD -  periodo d’imposta: anno precedente. Il modello va richiesto al datore di lavoro o all’ente pensionistico.
  1. A pagina 3 del modello CUD si trova la sezione “Scelta per la destinazione del cinque per mille dell’IRPEF”.
  2. Basta firmare nel riquadro “sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni” e scrivere il codice fiscale di A Sud n. 97296720580.
  3. Occorre infine apporre un’altra firma nel riquadro in fondo alla pagina.
  4. Il modulo così compilato va consegnato in busta chiusa in banca, in posta. o ad un intermediario abilitato alla trasmissione della dichiarazione dei redditi (CAAF, commercialista, …). Sulla busta vanno indicati nome, cognome, codice fiscale del contribuente e la dicitura: “Scelta per la destinazione del 5 per mille ″
  • Modello 730
  1. Chi compila il Modello 730 deve indicare il codice fiscale dell’associazione scelta e apporre la propria firma nell’apposita sezione, denominata 730-1 bis.
  2. Questa sezione va poi consegnata al CAAF o, in busta chiusa, al datore di lavoro.
  • Modello Unico
  1. Chi compila l’Unico Persone Fisiche deve firmare e indicare nell’apposito spazio il codice fiscale dell’ente cui intende destinare il 5 per mille.
  2. La parte relativa al 5 per mille va presentata insieme al Modello Unico, seguendo le stesse modalità di invio o di consegna.
  • Nessun modulo
  1. Anche chi non deve presentare la dichiarazione dei redditi può comunque richiedere la scheda di integrazione al modello CUD al datore di lavoro e consegnarla, in busta chiusa, a un ufficio postale o in banca, apponendo sulla busta la scritta “Scelta per la destinazione del 5 x 1000″ e il nome, cognome e codice fiscale del contribuente.

 

 


Comments are closed.

Back to Top ↑