Bolivia: 6° giorno di sciopero della fame per Morales

Il presidente boliviano  Evo Morales ha annunciato che proseguira' lo sciopero della fame per protestare contro lo stallo al Parlamento della nuova legge elettorale. La decisione arriva dopo che le opposizioni di destra hanno dichiarato che intendono continuare ad esigere il riconoscimento di statuti autonomisti illegali mentre continuano a bloccare in parlamento l'approvazione della legge elettorale.
LEGGI TUTTO

Messico: le comunità di Morelos contro la discarica della morte

Nello Stato messicano di Morelos, non lontano da Città del Messico, si trova una delle discariche più grandi del paese. Una discarica aperta da decenni, senza rispettare alcuna norma ambientale e sanitaria e che ha avuto impatti gravissimi sull'ambiente e sulla salute degli abitanti delle comnità limitrofe. Alleghiamo il comunicato stampa delle comunità di Alpuyeca e Tetlama, le più colpite dalla discarica, che annunciano l'intenzione di organizzarsi per resistere contro la proposta di aprire un altro sito di stoccaggio.

LEGGI TUTTO

India: la corte suprema riconosce il diritto di protesta

La Corte Suprema Conferma la storica sentenza dell'Alta Corte di Jabalpur sul diritto di protesta pacifica e il diritto alla Vita. I Satyagrahi del Narmada ricevono un risarcimento di 5000 rupie ognuno da parte el governo del Madhya Pradesh per la violazione dei diritti fondamentali. Pochi giorni fa la Corte Suprema ascolta l’appello archiviato dal Governo del Madhya Pradesh contro la sentenza dell’Alta Corte del Madhya Pradesh,che sentenzia che il Governo paghi 10.000 rupie(più di 900.000 in totale)per ogni Satyagrahi del Narmada che,mentre protestava pacificamente contro le ingiustizie subite dallo sfollamento senza re insediamento,sono stati oggetto della spietata forza della polizia,delle cariche con i manganelli,e sono stati arrestati illegalmente.
LEGGI TUTTO

Accordi Comerciali UE-CAN: la posizione dei movimenti andini

In questi giorni in Italia i rappresentanti della CAOI - Coordinamento Andino di Organizzazioni Indigene, nell'ambito di una missione di incidenza in Europa. Uno degli argomenti centrali negli incontri sarà la contrarietà dei movimenti sociali agli Accordi Commerciali Europa-America Latina. Ecco l'ultimo pronunciamento.
Trattati di libero commercio con l'Europa: la posizione del movimento indigeno andino. Appello della CAOI - Coordinamento Andino di Organizzazioni Indigene. "Giornata dei popoli per l'integrazione". No al TLC con l'UE, che tenta di sottomettere mercati e stati e distruggere i Popoli, i Pachamama e la Comunità Andina!
LEGGI TUTTO

50 anni del BID. Adesso basta!

L'analisi dell'Alleanza Sociale Continentale - Dal 27 al 30 marzo è stata celebrata a Medellín, in Colombia, l’Assemblea Generale della Banca Interamericana di Sviluppo (Banco Interamericano de Desarollo – BID) in occasione dei 50 anni dalla sua fondazione. Per i grandi gruppi finanziari e le corporazioni multinazionali la celebrazione è motivo di compiacimento, mentre per i popoli dell’America Latina e del Caribe non c’è niente da celebrare. Al contrario, siamo convinti che la storia si questa istituzione non poteva essere più nefasta. Insieme alla Banca Mondiale e ad altre istituzioni finanziare statali, inter-governative e private, è responsabile, in primo luogo, di una terribile spirale di indebitamento esterno, illegittimo e immorale, che ha fatto precipitare nella povertà e nell’instabilità tutti i nostri paesi. Inoltre, è principale responsabile, con la complicità di molti dei governi che si sono succeduti nella regione durante questi cinquant’anni, della permanenza di un modello di economia e società che hanno voluto chiamare sviluppo ma, in realtà, ha significato un aumento della povertà, l’acutizzazione della disuguaglianza e il saccheggio dell’ambiente naturale.

LEGGI TUTTO

Colombia: i crimini di Stato di Alvaro Uribe Velez

"Si può affermare, senza retorica alcuna e viste le dimensioni della tragedia del popolo colombiano, che il governo Uribe ha fatto del crimine di Stato la sua politica di Stato". Tra il 24 febbraio e l'11 marzo del 2009, la Commissione Etica Contro i Crimini di Stato in Colombia ha realizzato la sua sesta visita di monitoraggio nel paese. Tale commissione è un'iniziativa per salvaguardare la memoria collettiva delle vittime ed accompagnare il loro processo di denuncia e resistenza da parte della società civile internazionale.

LEGGI TUTTO

I movimenti sociali preparano assemblea alternativa al BID

Ai circa 5000 invitati che spera di ricevere la città di Medellìn durante la realizzazione della 50° Assemblea Annuale dei Governatori della Banca Interamericana dello Sviluppo (BID), che si terrà tra il 27 ed il 30 marzo, si sommeranno i rappresentanti dei movimenti sociali di tutta l'America e dei Caraibi, che realizzeranno in questa città un evento chiamato “Assemblea dei popoli: alternativa allo sviluppo”. L'incontro, che nasce come iniziativa alternativa all'assemblea ufficiale del BID, spera di riunire più di mille delegati di organizzazioni sociali di tutto il continente nei giorni tra il 25 ed il 30 di marzo, che dibatteranno su ciò che considerano “l'impatto negativo dei prestiti della Banca nello sviluppo dei paesi”.
LEGGI TUTTO