La corsa terroristica agli armamenti

Nell'ottobre 2009 il Senato degli Usa ha approvato l'investimento militare più elevato della storia, per un totale di 626 miliardi di dollari. Questa somma non include altri 400 miliardi che gli USA stanno investendo nelle guerre in Iraq e Afghanistan. La somma rappresenta quasi la metà delle spese totali degli Usa. Questa tendenza "suicida" non è una novità: molti analisti segnalano che è proprio il settore militare ad alimentare la domanda nell'economia capitalista nordamericana.

 

LEGGI TUTTO

Chavez vuole installare 70 “basi di pace” in America Latina

La prossima “Base di Pace” dovrà essere installata a Panama. Lunedì 12 ottobre, accademici, studenti e professionisti si sono riuniti nell’Ambasciata venezuelana di Panama per discutere dell’installazione della prima “Base di Pace” nel paese. L’informazione proviene da Radio Venezuela. Nel corso di quest’occasione, i partecipanti hanno anche discusso degli effetti che si riverseranno sui paesi della regione in seguito all’installazione delle sette basi statunitensi in Colombia. Le discussioni sono continuate proseguite fino al giorno successivo, quando movimenti e organizzazioni popolari di Panama hanno realizzato, all’interno dell’Università di Panama, il Foro “Contro le basi militari e a favore della pace”.
LEGGI TUTTO

Colombia in piazza contro la violenza

Il Polo Democratico Alternativo ha indetto per oggi 4 febbraio una giornata di mobilitazioni per l’Accordo Umanitario, contro la guerra e il sequestro, assieme alla Centrale Unitaria dei Lavoratori, la Federazione Colombiana di Educatori - FECODE, le amministrazioni di Bogotá e Cali e i governatori delle province di Nariño, Santander e Cesar. Si tratta di una reazione alla contestata manifestazione convocata da governo e mezzi di comunicazione contro le Farc, che cerca per l’ennesima volta di attirare l’attenzione sui gruppi di guerriglia addossando loro la colpa della violenza colombiana e distogliendola da altri fattori condizionanti, come la presenza massiccia e la ferocia dei gruppi paramilitari e gli abusi commessi dall’esercito e dalle forze pubbliche, che hanno fatto spesso parlare di “terrorismo di stato”.

LEGGI TUTTO

Ecuador: Appello per la pace

A tutti i movimenti sociali (indigeni, sindacali, ecologisti, artigiani, professionisti, intellettuali ed altri) del mondo, chiediamo l'adesione a questa dichiarazione, in solidarietà con la nostra patria che è stata bombardata dal governo colombiano, con l'appoggio dell'amministrazione nordamericana, in un'aggressione chiara al popolo ecuadoriano. Questo richiamo alla solidarietà è per condannare la politica di morte dell'Impero. Venti di guerra investono la nostra patria ed il latino america. All'alba dello scorso sabato 1 marzo, le forze combinate dell'esercito colombiano hanno invaso il nostro territorio via terra e via aria, per commettere un massacro nel quale sono morti 22 componenti delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC), tra cui Raúl Reyes, membro della segreteria di questa organizzazione.
LEGGI TUTTO

Accordo Usa-Colombia: intesa Obama-Lula alla prova

L’accordo militare tra Colombia e Stati Uniti rischia di trasformarsi nella prima tensione tra il governo brasiliano e la nuova amministrazione della Casa Bianca. Barack Obama ha infatti deciso di inviare un suo emissario a Brasilia per puntualizzare le critiche mosse dal governo di Inacio Lula da Silva al trattato. Un primo faccia a faccia dopo che, con l’avvento di Obama, le due capitali avevano registrato un forte avvicinamento anche per la volontà del colosso amazzonico di volersi ritagliare un ruolo di “portavoce” della regione latinoamericana con l’emisfero settentrionale.

LEGGI TUTTO

Nigeria: Mend condanna scontri nel nord. No al “Gruppo di negoziazione”.

Il Mend “deplora” gli attacchi contro i cristiani e le esecuzioni sommarie che hanno già causato oltre 600 morti negli stati del Nord del Paese.
“Solo due persone negozieranno con il governo la pace nella regione del delta” dice Jomo Gbomo.
 Sono cessati ieri mattina a Maiduguri gli scontri tra gli aderenti alla setta radicale islamica Boko Haram, che dichiara di battersi per l’introduzione della legge islamica e contro un modello culturale di tipo occidentale, e l’esercito e la polizia nigeriana.


LEGGI TUTTO

Gaza, promessa una pioggia d’aiuti per la ricostruzione

Alla conferenza dei donatori di Sharm si paga il conto di «Piombo fuso». E i palestinesi non si fidano: varchi sempre chiusi, qui non arriverà nulla In arrivo 4 miliardi, ma Israele lascia passare solo 30 camion al giorno Hamas: scavalcare la nostra legittima autorità renderà tutto inutile. «Abbiamo aspettato la pioggia per mesi e ora che è arrivata ci ritroviamo nel fango». Azza Abed Rabbo ha perduto tutto ciò che possedeva per due volte nel giro di poche settimane. Prima, a gennaio, i carri armati e i soldati israeliani entrarono nel quartiere che porta il nome della sua famiglia allargata, alla periferia di Jabaliya, e la sua abitazione fu tra le prime a finire in macerie sotto i colpi delle cannonate. Poi, tre giorni fa, la pioggia è caduta incessante su tutta Gaza trasformando in una enorme palude il rione di Izzet Abed Rabbo.

LEGGI TUTTO

FSM 2009: Dichiarazione Assemblea contro la guerra

Assemblea contro la guerra, le basi militari e gli armamenti nucleari

"Noi, movimenti per la pace e contro la guerra, riuniti durante il FSM di Belem, dichiariamo:

che il capitalismo vive una crisi globale, economica, ambientale, energetica ed alimentare; ma la crisi più grande è quella vincolata alla guerra permanente portata avanti in tutto il mondo e sostenuta dagli Stati Uniti;

che una delle cause della crisi economica mondiale è stata la guerra permanente e la sua preparazione;

LEGGI TUTTO