Bolivia: Gli Indigeni Chiquitanos e il Progetto El Mutún

L’organizzazione indigena Chiquitana, OICH, all’interno del processo di espansione del megaprogetto metallurgico Mutún (la riserva di ferro più grande della Bolivia) ha presenziato al sopralluogo in sito, per verificare la relazione che ha presentato l’impresa indiana Jindall sulla fase di esplorazione che pretende operare e che come requisito necessita la licenza ambientale rilasciata dal Ministero dello Sviluppo Rurale e dell’Ambiente.
LEGGI TUTTO

Bolivia: Popoli Indigeni e Cambiamento Climatico

Tra il 17 e il 19 marzo si è realizzato a La Paz, Bolivia, l'evento internazionale "La Custodia dei Popoli Indigeni della Diversità Bioculturale: Gli effetti della deforestazione e dell'emissione dei gas nel Cambiamento Climatico", organizzato dai popoli Indigeni di Abya Yala (America), con l'obbiettivo di definire la situazione della regione rispetto agli effetti negativi che il Cambiamento Climatico sta producendo nei Popoli Indigeni. I Popoli Indigeni di Abya Yala (America) hanno organizzato l'evento internazionale "La Custodia dei Popoli Indigeni della Diversità Bioculturale: Gli effetti della deforestazione e dell'emissione dei gas nel Cambiamento Climatico", realizzato a La Paz, Bolivia, dal 17 al 19 marzo.

LEGGI TUTTO

Bolivia: otto anni fa Cochabamba si riprendeva il diritto all’ACQUA

Otto anni sono passati dalla vittoria della Guerra dell’acqua di Cochabamba, che ha visto unita la popolazione cittadina per il diritto ad un bene comune che significa vita. Un giorno che i movimenti sociali di tutto il mondo ricordano molto bene, perchè ha significato la nascita di un nuovo immaginario collettivo e la consapevolezza che quando il popolo si unisce per difendere i propri diritti inalienabili, siano essi in difesa della democrazia, la libertà o il rispetto dei territori e dei beni comuni, vincere è possibile.
LEGGI TUTTO

Bolivia e Uruguay: la sinistra si consolida

Le opzioni “bolivariane”, secondo i sondaggi, trionferanno nelle prossime elezioni -  Bolivia e Uruguay si preparano ad affrontare rispettivamente in Dicembre e in Ottobre, elezioni presidenziali e legislative di notevole importanza. In Bolivia c’è in gioco il progetto di cambiamento di Evo Morales, caratterizzato dall’approvazione di una nuova Costituzione, la quale ha permesso allo stesso di governare in favore dei più poveri, che costituiscono la maggioranza nel paese.

LEGGI TUTTO

CAOI: stop alla repressione del movimento indigeno in Ecuador

Mobilitazione Globale per la Madre Terra: 12 - 16 ottobre. COORDINAMENTO ANDINO DI ORGANIZZAZIONI INDIGENE - CAOI Bolivia, Ecuador, Perù, Colombia, Cile, Argentina - Stop alla repressione in Ecuador! Di fronte all'uccisione di tre indigeni amazzonici ad opera delle forze armate ecuadoriane, le organizzazioni sociali ed indigene dell'Ecuador e di tutto l'asse andino chiedono l'intervento della comunità internazionale.

LEGGI TUTTO

Sospendere i negoziati UE-CAN: un freno a ingiustizia e diseguaglianza

Si stanno svolgendo in questi giorni a Bruxelles - dal 21 al 25 settembre - i negoziati tra Peru', Colombia e Unione Europea, nonostante il rifiuto di Bolivia e Ecuador - questi ultimi, insieme a Colombia e Perù, membri della Comunità delle Nazioni Andine (CAN) di firmare un accordo commerciale giudicato iniquo e contrario ai diritti umani. Questa divisione in seno alla CAN rappresenta un ulteriore ostacolo al processo di integrazione della regione andina e pone un freno all'avvio di uno sviluppo sostenibile per le popolazioni dell'area.

 

LEGGI TUTTO

America Latina: vertice Unasur tra tensioni e paure

Sarà un vertice regionale caratterizzato dal alcune tensioni quello che vedrà protagonisti a partire da oggi a Bariloche (Argentina) i leader dei paesi dell'Unasur (Unione delle nazioni sudamericane). Il summit è stato convocato per discutere dell'accordo militare tra Colombia e Stati Uniti e sarà l'occasione per una serie di confronti che si preannunciano estremamente accesi. L'apertura di almeno sette basi colombiane alle forze armate Usa sarà sotto i riflettori, non solo per il valore assoluto dell'accordo, che mira a combattere narcotraffico e guerriglia, ma anche per le conseguenze che ha avuto e avrà sulle relazioni diplomatiche di Bogotà. Il deteriorarsi del già difficile rapporto tra il presidente Alvaro Uribe e i suoi colleghi Hugo Chavez (Venezuela) e Rafael Correa (Ecuador) rischia di avere pesanti ripercussioni economiche sul suo Paese e l'intesa con Washington ha fatto storcere la bocca anche a Brasile, Cile, Argentina e Bolivia.

LEGGI TUTTO

Dichiarazione su Diritti Indigeni deve avere forza di Legge Nazionale

 

Il Coordinamento Andino delle Organizzazioni Indigene (CAOI), le sue entità integranti e l’insieme delle organizzazioni indigene di Abya Yala, continueranno le azioni fino ad ottenere che la Dichiarazione sui Diritti dei Popoli Indigeni delle Nazioni Unite (ONU) diventi Legge Nazionale. Questo è quanto dichiarato dalla CAOI - che raccoglie i movimenti indigeni andini di Perù, Bolivia, Ecuador, Colombia, Argentina e Cile, riuniti a Lima.

LEGGI TUTTO