ONU: Colombia,”grave E Preoccupante” La Situazione Dei Popoli Indigeni
test

ONU: Colombia,”grave e preoccupante” la situazione dei popoli indigeni

Il Relatore speciale delle Nazioni Unite che ha visitato il paese dal 23 al 27 luglio scorsi ha dichiarato ieri, nella conferenza stampa conclusiva a Bogotà, che si registra “un drammatico l’incremento dei crimini commessi contro i popoli nativi, tra cui omicidi, sfollamenti, mancato riconoscimento dei diritti alla terra, alla salute e all’educazione”

 
“Grave e preoccupante” ha definito ieri in conferenza stampa James Anaya, relatore delle Nazioni Unite per le questioni indigene, la situazione dei popoli originari in Colombia.  
 
Anaya, che ha terminato lunedì la visita di sei giorni in Colombia, ha affermato che le comunità indigene sono vittima di persecuzione continua da parte dei diversi attori armati irregolari e della stessa forza pubblica nazionale.  
 
Il delegato dell’ONU ha assicurato di aver ricevuto informazioni inconfutabili sul netto peggioramento delle condizioni di vita delle comunità indigene e sull’aumento delle violazioni di diritti commesse contro di esse. Ha aggiunto che auspica, al massimo entro la fine del 2009, “l’approvazione di precise raccomandazioni che lo stato colombiano deve predisporre per migliorare la situazione del  1.2 milioni di indigeni che vivono nel paese”.
    
Anaya ha aggiunto che, benché il governo affermi di aver adottato le misure necessraie e la Corte Costituzionale abbia emesso sentenze cercando di proteggere i diritti dei popoli indigeni, il miglioramento delle loro condizioni non è in alcun modo avvenuto e la situazione – secondo il relatore – “non è affatto cambiata anzi semmai è peggiorata dall’anteriore relazione dell’ONU presentata nel 2004 dal precedente relatore Rodolfo Stavenaughen.”  

Secondo quando emerso dalla conferenza stampa e precisamente dalle parole del Direttore della Polizia Oscar Naranjo, nel 2009 almeno 59 indigeni sono stati assassinati.
 
La ONIC – Autorità di Governo Indigeno della Colombia, ha lanciato un appello alla comunità internazionale affinchè si impegni a garantire il rispetto delle raccomandazioni che il relatore formulerà nella relazione finale della Missione, e a mettere in atto tutte le misure necessarie a garantire il rispetto dei diritti dei popoli indigeni e la loro sporavvivenza.

A Sud ha accompagnato la missione delle Nazioni Unite come osservatore internazionale, su sollecitazione della ONIC.

Per appofondire:
23-27 luglio: Missione ONU popoli indigeni
Documento ONIC: Popoli a rischio di estinzione

 

Redazione A Sud