In Marcia Le Donne Del Mondo

In marcia le donne del mondo

Di seguito la traduzione dell’appello della Marcia Mondiale delle Donne per partecipare all’azione 2010. donne
 
In Italia varie iniziative, azioni e presentazioni della Marcia si terranno nel periodo dell’8 marzo, combinate con il tema dell’immigrazione, del razzismo e della solidarietà internazionale femminista.
 
Appello:
 
Fin quando tutte le donne non saranno libere, saremo in marcia! 

Nel 2010, di nuovo, noi attiviste della Marcia Mondiale delle Donne, saremo in marcia nei cinque continenti.

 
Ci muoveremo per evidenziare la nostra perseveranza e la nostra forza collettiva in quanto movimento organizzato di donne che raggruppa esperienze, culture politiche e origini etniche diverse, ma avendo un’identità e un obiettivo comune: superare l’ordine attuale ingiusto che comporta violenza e povertà e costruire un mondo basato sulla pace, la giustizia, l’uguaglianza, la libertà e la solidarietà.
 
Marceremo in solidarietà con le donne che non hanno la libertà di farlo a causa delle guerre o dei conflitti armati; della divisione sessuale del lavoro che mantiene le donne prigioniere in casa loro; del sistema capitalista e patriarcale in cui lo spazio pubblico – le strade, i luoghi di lavoro e le scuole, i luoghi di divertimento – è riservato agli uomini; della mancanza di tempo visto che le donne sono costrette a districarsi tra tutti i compiti a esse – e a esse sole – assegnate e che garantiscono la vita e la continuità della vita.
 
Marceremo per esigere i nostri diritti.
 
Marceremo per resistere a coloro che vogliono sopprimere i diritti già conquistati nel corso delle nostre battaglie contro i fondamentalismi religiosi e i settori conservatori della società e dello Stato.
 
Saremo in marcia per il mondo che desideriamo: un mondo in cui l’autonomia, l’autodeterminazione, e la solidarietà siano le colonne portanti della società.
 
Marceremo nella lotta contro la mercificazione delle nostre vite, la nostra sessualità e i nostri corpi. Non siamo oggetti da comprare e da vendere! Ci rifiutiamo di essere trattate come dei pezzi di carne da parte del traffico sessuale, delle industrie pornografiche e pubblicitarie! Non accettiamo la violenza nelle case né nei luoghi di lavoro!
 
Saremo in marcia fino a quando tutte le donne possano vivere senza subire atti o minacce di violenza.
 
Marceremo per denunciare il sistema capitalista, sessista, razzista e omofobo, che sfrutta il lavoro quotidiano riproduttivo e produttivo delle donne, mentre concentra le ricchezze nelle mani di alcuni.
 
Chiediamo che il principio del salario uguale a lavoro uguale sia applicato; chiediamo un salario minimo giusto, la riorganizzazione e la distribuzione dei compiti che assicurano la vita e la continuità della vita e la sicurezza sociale, senza nessun tipo di discriminazione.
 
Saremo in marcia fino a quando tutte le donne avranno ottenuto la loro autonomia economica.
 
Marceremo per la fine immediata dei conflitti armati e dell’utilizzo del corpo delle donne come bottino di guerra.
 
Marceremo per denunciare gli interessi economici che si dissimulano dietro questi conflitti – il controllo delle risorse naturali e dei popoli, i benefici dell’industria degli armamenti.
 
Saremo in marcia fino a quando le donne saranno riconosciute e valorizzate come protagoniste dei processi di pace, di ricostruzione e di mantenimento della pace nei propri paesi.
 
maggiori informazioni: