FSM 2009: Si Corre Per Diritti, Pace, Giustizia Sociale

FSM 2009: si corre per diritti, pace, giustizia sociale

wsf 2009 1Le assemblee tematiche saranno ventidue, divise per tema e dislocate nei maggiori tendoni allestiti nei due campus, per garantire la più ampia partecipazione. Giustizia climatica, diritti umani, diritti collettivi dei popoli, crisi di civilizzazione e buen vivir, lotta contro guerra e armamenti, questioni pan amazzoniche, scienze e democrazia, diritti e identità degli afrodiscendenti, questioni di genere, intercomunicazione, dichiarazione ONU sui diritti dei popoli indigeni, lotta contro corruzione e impunità, educazione, migrazioni, crisi finanziaria e lavoro sono i temi sul tavolo.
Dopo le assemblee tematiche le proposte emerse saranno raccolte nella dichiarazione finale, che verrà discussa durante la Assemblea delle Assemblee, nella quale scaturirà una agenda condivisa di azioni ed iniziative da portare avanti nel corso dell’anno.

 

La giornata di oggi ha visto anche lo svolgimento della “Corsa dei diritti e della solidarietà”, organizzata da UISP – Unione Italiana Sport per Tutti. La manifestazione sportiva è giunta alla sua seconda edizione. Lanciata a Nairobi insieme a Libera per far entrare in contatto il blindatissimo FSM 2007 con gli abitanti dei quartieri vicini alla sede del Forum, l’iniziativa è stata riproposta a Belem con lo stesso obiettivo. La corsa è partita dal Villaggio del Forum, vicino l’Università, per percorrere i 6 chilometri del percorso attraverso i quartieri popolari di Guamà e Terra Firme e alcune delle favelas della città. L’iniziativa ha visto la partecipazione di circa 2.000 corridori tra cui molti abitanti delle favelas circostanti.

 

UISP sostiene che lo sport rappresenta uno strumento di integrazione sociale e di educazione ambientale, luogo di non discriminazione e di diritti per tutti. Proprio in tal senso – affermano gli organizzatori – “la corsa ha avuto come obiettivo porre l’attenzione sui problemi delle popolazioni indigene che in questi anni hanno subito maggiormente gli effetti più devastanti dell’economia globale: inquinamento, deforestazione, sradicamento culturale”.

 

Coordinamento Italiano FSM – nota stampa n°6
Guarda le forum dal forum

 

Continua a seguire giorno per giorno il FSM su www.asud.net