Foreste Temperate: Le Biomasse E Le Emissioni Di Carbonio

Foreste temperate: le biomasse e le emissioni di carbonio

biomasse-legnose-freefoto-Firewood_web[Su salvaleforeste.it] Il prelievo di legno nelle foreste temperate può rilasciare più gas serra di quanto si pensasse. E’ quanto emerge da un nuovo studio pubblicato sulla rivista Global Change Biology Bioenergy. La ricerca si focalizza sull’analisi sulle emissioni di carbonio provocate dalle pratiche di gestione forestale nel nordest degli Stati Uniti e il relativo ciclo del carbonio.

 

Comprendere il funzionamento dei cicli del carbonio nelle foreste è essenziale per comprendere e mitigare il cambiamento climatico. Le grandi quantità di carbonio immagazzinate in suoli forestali minerali profondi, non vengono tenute in considerazione nel computo dei flussi globali del carbonio perché il carbonio fissato nel suolo minerale è comunemente considerato relativamente stabile. Secondo lo studio invece, nel caso di operazioni di alto impatto, come il taglio a raso, viene liberato in atmosfera sia carbonio proveniente dalla biomassa che carbonio stoccato nel suolo.

 

“Il nostro lavoro suggerisce che in presenza di disturbi come il taglio, il carbonio immagazzinato nel suolo minerale può rapidamente cambiare, portanti a più alte emissioni in atmosfera”, ha spiegato Andrew Friedland, un co-autore sullo studio. “L’analisi dei cicli di carbonio delle foreste è fondamentale per capire come mitigare i cambiamenti climatici, e la comprensione dei cicli di carbonio delle foreste richiede un’analisi approfondita del carbonio immagazzinato e dei flussi tra le diverse forme di carbonio nella foresta, ossia tra la biomassa viva o morta, in superficie, il suolo organico, il suolo minerale e le radici nel sottosuolo”.

 

Questi risultati suggeriscono che l’utilizzo delle biomasse legnose come combustibile potrebbe essere meno efficace di quanto si pensasse nell’affrontare il cambiamento climatico.

 

“Il nostro lavoro suggerisce che una maggiore dipendenza dal legno potrebbe avere l’effetto indesiderato di aumentare il trasferimento di carbonio dal suolo minerale all’atmosfera”, ha aggiunto Friedland.