Master In “Legislazione Dei Crimini E Della Giustizia Internazionale”

Master in “Legislazione dei crimini e della giustizia internazionale”


Dettaglio eventi


Il Master di secondo livello (LL.M.) in “Legislazione dei crimini e della giustizia internazionale”è rivolto a professionisti e laureati che desiderano specializzarsi nei settori del diritto internazionale delle dimensioni della pace e dei conflitti, dei crimini transnazionali e della giustizia di transizione, del diritto umanitario, del diritto penale internazionale e procedura e diritto internazionale dei diritti umani.

Il 6 maggio a Torino presso il Campus delle Nazioni Unite si terrà la lezione di Lucie Greyl, presidente del Centro Documentazione Conflitti Ambientali e responsabile della campagna Giudizio Universale della prima causa civile contro lo stato Italiano per inazione climatica.

Per partecipare al master è necessario scaricare il modulo di domanda.

A chi interessa il programma del master in “Legislazione dei crimini e della giustizia internazionale”

A seconda del background e degli interessi di ciascuno studente, il programma è funzionale per le carriere nei settori giuridico e politico sia a livello nazionale che internazionale, nonché in ulteriori studi accademici.

Il curriculum accademico del Master si articola in due fasi:

Fase di formazione a distanza: 21 novembre 2022 – 13 gennaio 2023;
Fase Residenziale: 25 gennaio – 23 giugno 2023.

Il Graduation Project , al termine della fase residenziale, consisterà in una simulazione Moot Court che aiuterà gli studenti ad affinare le proprie capacità di advocacy in aula scritta e orale su materie selezionate di diritto penale internazionale sostanziale. La Cerimonia di Laurea si svolgerà il 7 luglio 2023.

Output del master in “Legislazione dei crimini e della giustizia internazionale”

Attraverso una combinazione di lezioni frontali, seminari ed esercitazioni pratiche, gli studenti selezionati acquisiranno:

  • conoscenza approfondita degli aspetti teorici e pratici relativi all’indagine e all’aggiudicazione dei crimini internazionali e delle violazioni dei diritti umani;
  • comprensione globale del funzionamento dei tribunali penali internazionali, dei tribunali speciali e ibridi e della loro eredità ai tribunali nazionali;
  • familiarità con il principio dello stato di diritto e comprensione approfondita dei processi e dei meccanismi interdisciplinari relativi alla giustizia di transizione e alla riforma della giustizia nelle situazioni postbelliche e nei paesi in transizione;
  • approfondimenti unici sulle politiche e gli strumenti delle Nazioni Unite, di altre organizzazioni internazionali e degli organismi nazionali per la prevenzione, l’indagine, il controllo e la punizione della criminalità organizzata transnazionale e dei crimini transnazionali , inclusi corruzione, tratta di esseri umani, traffico di migranti, crimini ambientali , terrorismo e criminalità informatica.

Al completamento con successo del corso, gli studenti riceveranno un LL.M. titolo ufficiale rilasciato da UPEACE.

La fase residenziale del programma si svolge nell’ineguagliabile cornice del Campus delle Nazioni Unite a Torino, in Italia. Il Campus si trova su 10 ettari di parco lungo il fiume e ospita altre organizzazioni nazionali e internazionali come ITC-ILO e UNSSC. In circostanze regolari, gestisce ogni anno più di 450 programmi e progetti che coinvolgono circa 11.000 persone provenienti da oltre 180 paesi, offrendo anche ai suoi ospiti strutture per il tempo libero, ristoranti e sport.

Misure relative al COVID-19 del master in “Legislazione dei crimini e della giustizia internazionale”

Circostanze speciali relative al COVID-19: UNICRI e UPEACE adotteranno tutte le misure necessarie, come richiesto dal governo italiano o locale, nonché dall’amministrazione del Campus delle Nazioni Unite, per garantire la sicurezza di studenti, docenti e personale durante la fase residenziale del campus. Ciò potrebbe richiedere misure appropriate, come (ma non solo) la divisione degli studenti in due classi e l’implementazione di lezioni online. Salvo diversa indicazione delle autorità sopra indicate, la fase residenziale del programma sarà consegnata come previsto e gli studenti dovrebbero frequentare di persona. È comprensibile che, eccezionalmente, alcuni studenti ammessi potrebbero non essere in grado di viaggiare a Torino per parte o per l’intera durata del programma a causa delle restrizioni legate alla pandemia.

UNICRI e UPEACE assicureranno che tali studenti possano prendere parte al programma virtualmente attraverso lo streaming live delle classi. Gli studenti ammessi autorizzati a partecipare virtualmente al programma in queste circostanze eccezionali sono tenuti ad adeguare i loro orari per partecipare pienamente alle lezioni indipendentemente dai fusi orari in cui si trovano. Si prega di notare che le flessibilità sopra previste non influiranno sulla quota di iscrizione per il programma.In tali circostanze non è prevista alcuna riduzione o rimborso della quota di iscrizione.

Organizzatori del master in “Legislazione dei crimini e della giustizia internazionale”

Il LL.M. è organizzato congiuntamente dall’UNICRI e dall’Università per la Pace (UPEACE).

L’ UNICRI è uno dei principali istituti di formazione e ricerca del Sistema ONU. È stato istituito nel 1968 e ha il compito di supportare i paesi di tutto il mondo nella prevenzione della criminalità e nella promozione della giustizia penale. Nel corso degli anni l’Istituto ha sviluppato una solida esperienza nel campo della ricerca e della formazione, che si riflette nell’organizzazione di numerose attività di rafforzamento delle capacità e di corsi specialistici post-laurea.

L’ Università per la Pace (UPEACE), con sede in Costa Rica, è un’Organizzazione del Trattato istituita nel 1980 attraverso un Accordo Internazionale approvato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nella Risoluzione 35/55, e ha il mandato di “fornire all’umanità un istituto internazionale di istruzione superiore per la pace e con il scopo di promuovere tra tutti gli esseri umani lo spirito di comprensione, tolleranza e pacifica convivenza, di stimolare la cooperazione tra i popoli e di contribuire a ridurre gli ostacoli e le minacce alla pace e al progresso mondiale, in armonia con le nobili aspirazioni proclamate nella Carta delle Nazioni Unite” . In virtù del mandato conferitole dall’articolo 15 dello Statuto dell’Università per la Pace, allegato all’Accordo internazionale istitutivo dell’Università per la Pace,