L’ipocrisia Del Capitalismo Verde

L’ipocrisia del capitalismo verde


Dettaglio eventi


Come ormai quasi tutti gli esperti dicono, la pandemia di COVID-19, determinata dal coronavirus (o SARS-CoV-2), ha molto a che fare con l’ambiente. Tuttavia, non solo l’insostenibilità del nostro sistema produttivo ed economico ha creato le condizioni favorevoli alla nascita e diffusione della covid-19, ma anche le recenti risposte date dai governi per la gestione di questa crisi sembrano voler riconfermare questo insostenibile modello di sviluppo, invece di metterlo in discussione e ribaltarlo. Nei prossimi mesi centinaia di miliardi di euro verranno immessi nel mercato globale della green economy finanziando imprese e banche con la promessa di inseguire un fantomatico progresso sostenibile in un sistema insaziabile di risorse.

Come collettivo di universitar* e giovani precar* abbiamo pensato di organizzare due momenti di approfondimento per analizzare e confrontarci sulla finanziarizzazione della transizione ecologica e sulla giustizia climatica e migrazioni forzate. Il 27 aprile alle 18.30 interverrà Salvatore Altiero di A Sud proprio sul tema della giustizia climatica.

Per partecipare all’evento clicca qui

Il 21 aprile dalle ore 18:00 si parlerà della finanziarizzazione della transizione ecologica con Riccardo Mastini (PhD Ecological Economics and Political Ecology, University of Barcellona) e Simone Ogno (Campaigner finanza e clima, Re:Common). Il 27 aprile dalle ore 18:30 gli interventi di Gennaro Avallone  (Prof. Ecologia Politica, Università degli Studi di Salerno) e Salvatore Altiero (Attivista, A Sud) riguarderanno la Giustizia climatica e migrazioni forzate.