Da Copenhagen A Cochabamba – Conferenza Mondiale Dei Popoli Su Clima E Diritti Della Madre Terra

Da Copenhagen a Cochabamba – Conferenza Mondiale dei Popoli su Clima e Diritti della Madre Terra

SPECIALE COCHABAMBA

Per seguire, commentare, accompagnare e partecipare ai lavori del VERTICE di COCHABAMBA

APPELLO del presidente Boliviano Evo Morales ai governi, ai movimenti sociali, scienziati, studiosi, per la una Conferenza dei Popoli sul cambiamento climatico.

Convocazione

Considerando che il cambio climatico rappresenta una minaccia reale per l’esistenza dell’umanità, degli esseri viventi e della nostra Madre Terra come oggi la conosciamo;

Constatando il grave pericolo che esiste per le isole, le zone costiere, i ghiacciai dell’Himalaya, le Ande e le montagne del mondo, i poli della Terra, le regioni calde come l’Africa, le fonti di acqua, le popolazioni colpite dai disastri naturali crescenti, le piante e gli animali, e gli ecosistemi in generale;

Evidenziando che i più colpiti dal cambio climatico saranno i più poveri del pianeta che vedranno distrutti propri focolari, le proprie fonti di sopravvivenza e saranno obbligati a migrare e a cercare rifugio;
Confermando che il 75 per cento delle emissioni storiche di gas a effetto serra si sono originati nei paesi irrazionalmente industrializzati del nord;

Constatando che il cambio climatico è un prodotto del sistema capitalista;

Deplorando il fallimento della Conferenza di Copenhagen per responsabilità dei paesi chiamati “sviluppati” che non vogliono riconoscere il debito climatico che hanno con i paesi in via di sviluppo, le generazioni future e la Madre Terra;

Affermando che per garantire la piena realizzazione dei diritti umani nel secolo XXI è necessario riconoscere e rispettare i diritti della Madre Terra;

Riaffermando la necessità di lottare per la giustizia climatica:

Riconoscendo la necessità di assumere azioni urgenti per evitare più grandi danni e sofferenze all’umanità e alla Madre Terra, per ristabilire la armonia con la natura;

Sicuri che i popoli del mondo, guidati dai principi di solidarietà, della giustizia e del rispetto per la vita, saranno capaci di salvare l’umanità e la Madre Terra; e Celebrando il Giorno Internazionale della Madre Terra

Il governo dello Stato Plurinazionale della Bolivia convoca i popoli, i movimenti sociali e i difensori della madre terra del mondo, e invita gli scienziati, gli accademici, i giuristi e i governi che vogliono lavorare con la propria gente alla Conferenza Mondiale dei Popoli sul Cambio Climatico e i Diritti della Madre Terra che si realizzerà dal 19 al 22 aprile del 2010 nella città di Cochabamba, Bolivia.

La Conferenza Mondiale dei Popoli sul Cambio Climatico e i Diritti della Madre Terra ha come obiettivi:

1) Analizzare le cause strutturali e sistematiche che provocano il cambio climatico e proporre le misure di fondo che rendono possibile il benessere di tutta l’umanità in armonia con la natura
2) Discutere e definire il progetto della Dichiarazione Universale dei Diritti della Madre Terra
3) Definire le proposte di nuovi impegni per il Protocollo di Kioto e per le decisioni della Convenzione ONU sul Cambio Climatico che guideranno l’iniziativa dei governi impegnati per la vita nei negoziati sul cambio climatico e in tutti gli scenario delle Nazioni Unite, riguardo a:
a) Debito climatico
b) Migranti-rifugiati del cambio climatico
c) Riduzione delle emissioni
d) Adattamento
e) Trasferimento di tecnologia
f) Finanziamento
g) Foreste e cambio climatico
h) Visione condivisa
i) Popoli indigeni e
j) Altro
4) Lavorare nella organizzazione del Referendum Mondiale dei Popoli sul cambio climatico
5) Analizzare e tracciare un piano di azione per avanzare nella costituzione di un Tribunale della Giustizia Climatico
6) Definire le strategie di azioni e mobilitazione in difesa della vita di fronte al Cambio Climatico e per i Diritti della Madre Terra.

Bolivia, 5 gennaio 2010

Evo Morales Ayma
Presidente dello Stato Plurinazionale della Bolivia

partecipa!

Per informazioni o per sapere come partecipare scrivi a maricadipierri@asud.net
Organizza un’iniziativa nella tua città

informati!

– Segui i lavori del vertice in tempo reale su www.asud.net

– Visita il SITO UFFICIALE della CONFERENZA http://cmpcc.org/
– Consulta il PROGRAMMA della CONFERENZA http://cmpcc.org/programa

approfondisci

Clima, un referendum mondiale nel 2011

[Di Marica Di Pierri su Liberazione 25 Aprile 2010] da Cochabamba (Bolivia) E’ chiaro a tutte le migliaia di delegati che hanno affollato nei giorni scorsi la città di Cochabamba, “corazon” della Bolivia e dell’America Latina, che siamo in un momento cruciale per il pianeta e che la scelta in fondo è semplice, seppure dura a sentirsi: Madre Terra …

Dichiarazione Finale della Conferenza Mondiale dei Popoli a Cochabamba

Dichiarazione Finale della Conferenza dei Popoli sul Cambiamento Climatico e i Diritti della Madre Terra. 22 Aprile Cochabamba, BoliviaACCORDO DEI POPOLI Oggi, la nostra Madre Terra è ferita ed il futuro dell’umanità è in pericolo. Se il riscaldamento globale incrementasse di 2° C, eventualità a cui ci condurrebbe la cosiddetta “Intesa di Cop…

Morales: Cambiare il modello, non il clima.

[Di Marica Di Pierri su Liberazione del 23 Aprile 2010] Da Cochabamba – Le strade di Cochabamba, la cittadina “cuore della Bolivia” si sono riempite in questi giorni di un fiume multicolore di persone di razze, nazionalità e culture diverse –  circa 20.000 –  provenienti da tutto il mondo. Sono attivisti, studiosi, ricercatori, intellettuali, giorn…

Dalla Terra con furore L’anticapitalismo al tempo della crisi dell’Occidente

[di Giuseppe De Marzo su Il Manifesto 22 Aprile 2010] Ecologia della liberazione, oltre i conflitti capitale-lavoroPer la prima volta nella storia ci troviamo di fronte una crisi verticale del modello di civilizzazione occidentale. Una crisi accelerata ulteriormente dalla necessità di allargare la frontiera dello sfruttamento e del controllo natura…

La giustizia climatica può partire da qui. In nome di Madre Terra

[di Giuseppe De Marzo su L’Unità 21 Aprile 2010] diario da Cochabamba. Qui si è combattuta e vinta la guerra dell’acqua. Di qui può partire la proposta di istituire un Tribunale Internazionale per i crimini ambientali.Cochabamba è un caleidoscopio di colori e suoni che riflettono i volti e le parole di decine di migliaia di persone provenienti da Cochabamba, dalla “guerra dell’acqua” alla conferenza sulla Madre Terra
[di Marica Di Pierri – A Sud – da Cochabamba su Liberazione 20 Aprile 2010] L’iniziativa di Morales dopo il fallimento del vertice di CopenaghenLa prima conferenza mondiale dei popoli sul cambiamento climatico e i diritti della madre terra è iniziata ieri a Cochabamba, in Bolivia. I lavori chiuderanno il 22 aprile prossimo, alla presenza del Presid…

VERSO UN TRIBUNALE DELLA GIUSTIZIA CLIMATICA

[Fonte:Bollettino Alainet di Aprile 2010] A ottobre 2009 si è organizzata, come frutto delle iniziative delle innuverevoli organizzazioni e reti dei movimenti sociali e degli attivisti del mondo, la Prima Sessione Preliminare del Tribunale Internazionale di Giustizia Climatica nella città di Cochabamba, in Bolivia, con l’intenzione di dare visibili…

Parte Oggi a Cochabamba la CONFERENZA MONDIALE DEI POPOLO SUL CLIMA

Prende il via oggi, lunedì 19 aprile a Cochabamba, in Bolivia, la Conferenza Mondiale dei Popoli sui Cambiamenti Climatici e Diritti della Madre Terra , convocata dal governo di Evo Morales all’indomani del nulla di fatto del vertice dei governi sul Clima svoltosi a dicembre a Copenaghen.Circa 15.000 i delegati che si aspettano nei locali dell’Univ…

Appello a sostegno della Conferenza Mondiale dei Popoli a Cochabamba

APPOGGIO ITALIANO AL VERTICE DI COCHABAMBA “Per i Diritti della Natura e la Democrazia della Terra” Appello di personalità del mondo della cultura, dell’associazionismo e della politica italiani a sostegno della Conferenza Mondiale dei Popoli sul Cambiamento Climatico ed i Diritti della Madre Terra Cochabamba, Bolivia, 19-22 a

Ricominciamo Questo sviluppo è insostenibile

[di Giuseppe De Marzo – A Sud – su L’Unità 14 Aprile 2010] Ricominciamo Questo sviluppo è insostenibile Lo dimostra la lotta continua tra ambiente e economia Alla crisi si risponde con una crescita senza fine Meglio cercare l’armonia tra giustizia sociale e ambientale – Dopo Copenaghen La terra non può reggere gli attuali standard di consumo e p…

A 3 giorni da Cochabamba. La Quarta Internazionale lancia la sua proposta!

[Fonte: Ecoportal] Per salvare il clima bisogna chiuderla con il capitalismo! Dichiarazione della Quarta Internazionale in occasione della Conferenza di CochabambaLa Quarta Internazionale ha deciso durante il 16° Congresso (febbraio 2010) di appoggiare la «Conferenza mondiale dei popoli sul cambiamento climatico e i diritti della Madre Terra» che a

Dichiarazione Universale sul bene comune della Terra e dell’Umanità

[Fonte: Bollettino Alainet.org Marzo 2010] DICHIARAZIONE UNIVERSALE SUL BENE COMUNE DELLA TERRA E DELL’UMANITA’PreamboloCONSIDERANDO che la Terra e l’Umanità fanno parte di un vasto universo in evoluzione e che possiedono lo stesso destino, minacciato di distruzione dall’irresponsabilità e dalla mancanza di cura da parte degli esseri umani; che la

Progetto per una Dichiarazione dei Diritti della Madre Terra

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELLA MADRE TERRA (Progetto febbraio 2010). Alleghiamo il progetto di Dichiarazione che sarà base di discussione a Cochabamba, durante la CMPCC – Conferenza Mondiale dei Popoli sul Cambiamento Climatico e i Diritti della Madre Terra, che si terrà in Bolivia dal 19 al 22 aprile prossimi. Preambolo Noi, i p

Bolivia: Pronuncia delle donne a fronte del cambiamento climatico

Noi, Confederazione Nazionale delle donne contadine indigene originarie della Bolivia “Bartolina Sisa” e Alleanza delle Donne verso il Pre-Vertice sul cambiamento climatico ed i diritti della Madre Terra, riunite nella città di Cochabamba il 28 marzo 2010, abbiamo valutato gli effetti negativi del cambiamento climatico percepiti nelle nostre comuni…

Cochabamba: Conferenza storica si attendono 10000 partecipanti da più di 50 paesi

Lo Stato Plurinazionale di Bolivia ospiterà una conferenza storica sul cambiamento climatico ad aprile, che prevede la presenza di circa 10000 partecipanti tra rappresentanti governativi e delegazioni da più di 50 paesi. Si attende una partecipazione ancora più grande dagli spazi virtuali così come nelle campagne che verranno attivate nell’ultimo…

Contributo al dibattito: alternative alla crisi della modernità/colonialità

[Fonte: Bollettino Marzo 2010 Alainet] Stiamo assistendo ad una totale crisi della civiltà egemonica (quella dell’unità tra “modernità-colonialismo). Tutte le forme di vita del pianeta, non solo quelle umane, sono in pericolo e per questo si rende urgente lo sviluppo di alternative, a partire dal rafforzamento di esperienze e proposte sociali in co…

I movimenti sociali in azione: una “ONU” per salvare la terra

[Fonte: ALAI, America Latina in Movimento] Riuniti a Cochabamba, hanno annunciato che progetteranno una nuova Organizzazione in difesa del Pianeta ed esigeranno la riduzione del 50% delle emissioni di gas serra. L’Agenzia Boliviana di Informazione ( ABI) ha reso noto che rappresentanti dei Movimenti Sociali e dei Popoli originari della Bolivia prop…

Bolivia: personalità di spicco al Vertice Climatico di Cochabamba

[Fonte: Ecoportal] Autorità del mondo, tra cui attivisti dei diritti umani ed accademici, hanno confermato la loro presenza al vertice sul cambiamento climatico a Cochabamba, dal 20 al 22 aprile prossimo. La Bolivia ha invitato tutti i 192 paesi membri dell’Organizzazione delle Nazioni Unite a partecipare all’incontro di Cochabamba, convocato dal

Forum Indigeno sul clima in Costa Rica. Guardando a Cochabamba

[fonte: Ecoportal] I leader indigeni latinoamericani s’incontrano in Costarica per un Forum sul Cambiamento Climatico Le reti indigene hanno innescato un lungo processo per decidere un’agenda comune per la difesa della madre terra e, specificatamente, contro gli effetti del cambiamento climatico CICA. San José, Costarica, Marzo 25/10. I leade…

Anticapitalismo e giustizia climatica

Esther Vivas ALAI – 23/03/2010 – Il cambiamento climatico è, al giorno d’oggi, una realtà innegabile. La eco politica, sociale e mediatica suscitata dal vertice di Copenaghen, a dicembre 2009, ne è stata la prova. Un vertice che ha mostrato l’incapacità del sistema capitalista di dare una risposta credibile ad una crisi generata dallo stesso sistem…

La politica climatica dopo il vertice di Copenhagen

[Di Anil Markandya e Ibon Gallraga per Elcorreo.org] Poche questioni contano di un così ampio consenso scientifico come il cambiamento climatico. Dopo il summit di Copenhagen (COP 15), tuttavia, il dibattito sul futuro della politica climatica non si è arrestato nella opinione pubblica.Il vertice non è riuscito a colmare le aspettative che aveva ge

La voce dei popoli: intervista a Juan Pablo Ramos

Vertice sul Cambiamento Climatico, la voce dei popoli: INTERVISTA A JUAN PABLO RAMOS, viceministro dell’ambienteLa Paz (PL) Il principale evento internazionale programmato quest’anno in Bolivia è la Conferenza Mondiale dei Popoli sul Cambiamento Climatico ed i Diritti della Madre Terra, previsto dal 20 al 22 aprile nella città di Cochabamba.La

Le proposte degli agricoltori per la Conferenza Mondiale

La Paz, Bolivia – La Confederazione Sindacale Unica dei Lavoratori Agricoli della Bolivia (CSUTCB) ha proposto, il primo marzo, l’utilizzo di servizi basici ecologici per la Prima Conferenza Mondiale dei Popoli sul Cambiamento Climatico e i diritti della Madre Terra, che si terrà dal 20 al 22 aprile a Cochabamba.”Stiamo pianificando progetti priori…

COCHABAMBA ISTRUZIONI PER L’USO

[Fonte: Bollettino Informativo Ufficiale n°2 della Conferenza] Dal giorno della sua convocazione, la Conferenza ha riscosso sempre più sostegno ed entusiasmo. Al Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre, in Brasile, si è espresso un chiaro appoggio alla Conferenza Mondiale dei Popoli su clima e diritti della Madre Terra, definendola il passo in avanti..

La prima conferenza sulla Madre Terra desta le aspettative del mondo

Le organizzazioni dei popoli prenderanno decisioni riguardo la difesa della terra, mentre i presidenti e i capi di governo che arriveranno alla prima Cumbre Mondiale sul cambiamento climatico ascolteranno i progetti dei movimenti sociali, assicura il presidente Evo Morales. A Cochabamba si realizzerà “un dibattito profondo” sulle catastrofi natural…

Dopo Porto Alegre, Movimenti Sociali verso Cochabamba

[Fonte: Carta.org – Giuseppe De Marzo] Si è da poco conclusa la tre giorni di Porto Alegre, convocata a dieci anni dalla prima edizione del FSM tenutosi proprio nella capitale dello Stato del Rio Grande do Sul. Il tema al centro del confronto tra i movimenti sociali dell’alleanza continentale e delle reti internazionali presenti è stato, come era p..

Dichiarazione di Giustizia Climatica Ora!

[Climate Justice Now] L’appello per “un cambiamento del sistema e non del clima” si unisce al movimento globale L’ “accordo” fallito di Copenhagen mostra la grande spaccatura esistente tra le richieste dei popoli e gli interessi delle élites. La tanto attesa Conferenza dell’ONU sul Cambiamento Climatico a Copenhagen si è conclusa con un accordo f…

L’impegno di Morales per fermare i cambiamenti climatici

Alleghiamo la proposta della Bolivia per la lotta al cambiamento climatico, diffusa dopo il fallimento del vertice di Copenaghen.  “Riconoscendo che gli esseri umani sono parte di un sistema interdipendente”Presentazione da parte della Bolivia di una visione condivisa Presentazione in nome dello Stato Plurinazionale della Bolivia 14 dicembre 2009 V

Urbanizzazione, ultima frontiera del capitalismo

di Marica Di Pierri [uscito su Carta.org il 21 Gennaio 2010] – Una delle cartine di tornasole per misurare il sistema di disuguaglianza insito nel modello capitalista è lo sviluppo urbano, vale a dire il modo in cui le città si sono evolute e continuano ad evolversi negli ultimi decenni

Dopo Copenaghen una democrazia della Terra fondata sul Buen Vivir

Intervista a Giuseppe De Marzo da: Linkontro.  Democrazia Globale/Democrazia Locale Vertice di Copenaghen. De Marzo: “Un fallimento per l’umanità. Costruiamo una nuova democrazia della terra fondata sul buen vivir” intervista a Giuseppe De Marzo di Giulia PandolfiE’ da poco uscito il suo ultimo libro “Buen vivir.

Clima: accordo ridicolo. Il vertice è un fallimento

Dopo ore di trattative e consultazioni seguite al ‘no’ di alcuni Paesi in via di sviluppo che minacciavano di far saltare l’intesa raggiunta ieri sera, i delegati alla Conferenza dell’Onu sul clima a Copenaghen hanno approvato una mozione con la quale accettano l’accordo mediato dagli Stati Uniti con Cina, India, Brasile e Sudafrica. «La confere

Copenhagen. Crisi ambientale, crisi democratica

di Giuseppe De Marzo [pubblicato su Carta.org il 18 Dicembre 2009] – Il fallimento annunciato del vertice Onu sul clima dimostra ancora una volta l’incapacità dei governi dei paesi ricchi e inquinanti di assumere decisioni a prescindere dagli interessi dei poteri forti dell’economia

Gli esuli del clima – Analisi sul fenomeno dei rifugiati ambientali

di Andrea Del Testa  1. Introduzione.Uno dei problemi maggiori nello studio degli effetti dei cambiamenti climatici sulle popolazioni umane è senza dubbio il carattere fortemente multi disciplinare, che  richiede un’analisi del fenomeno che incroci competenze e conoscenze che appartengono a diversi campi del sapere, come le scienze ambientali

CO2: Il nuovo traffico di indulgenze

[Fonte: ventanaglobal.info] L’elemento essenziale delle indulgenze era la cessione a favore di una persona dei meriti realizzati da altri. La dottrina base imponeva che la preghiera e le opere di bene avessero un valore accumulabile, il “Tesoro della Chiesa”.  Il deposito iniziale sarebbe stato costituito dalle opere di Gesù, a cui si sarebbero ag…

Continuiamo la battaglia per fermare i cambiamenti climatici

[Fonte: Ecoportal.net] Bisogna partire dalla considerazione che i paesi sviluppati firmatari del Protocollo di Kyoto hanno aumentato in modo drastico le emissioni di gas serra. Adesso vogliono sostituire il programma sulle  emissioni approvato nel 1990 con quello del 2005, così che gli Stati Uniti, maggiori emissori al mondo, ridurrebbero le loro e

Conferenza Mondiale dei Popoli su Clima e Diritti della Madre Terra

dal 20 al 22 Aprile 2010 a Cochabamba, Bolivia – Considerando che il cambiamento climatico rappresenta una vera minaccia per l’esistenza dell’umanità, per quella di tutti gli esseri viventi e per la nostra Madre Terra così come la conosciamo oggi;

Il crepuscolo del capitalismo

di Jorge Beinstein – Al principio di un lungo viaggio  – Il crepuscolo del capitalismo, nostalgie, eredità, barbarie e speranze all’inizio del secolo XXI. Già all’inizio del 2009 Ben Bernanke affermava che prima della  fine dell’anno si sarebbero intravisti chiari sintomi del superamento della crisi e verso il mese di agosto annunciava che “il pegg…

Ambiente: Morales lancia vertice mondiale delle organizzazioni sociali

Se i paesi industrializzati non vogliono,“ i popoli devono farlo cambiare”. – Domenica scorsa, dopo il fallimento di Copenhagen il presidente Evo Morales, ha annunciato la convocazione di tutte le nazioni del pianeta per una “grande mobilitazione” in difesa dell’ambiente e ad aprile prossimo una conferenza mondiale dei movimenti sociali in Bolivi

Copenaghen: includere il debito ecologico nel testo finale.

Di fronte al fallimento palese del Vertice di Copenaghen sul clima, i movimenti sociali ed ambientalisti dei sud del mondo raccolti nell’Alleanza dei Popoli del Sud creditori tornano a parlare a gran voce del debito ecologico, chiedendo il riconoscimento internazionale del debito ecologico dovuto verso i paesi del sud e riparazione integrale per l…

Vivere meglio o «buen vivir»?

Un’etica del sufficiente per tutta la comunità  – Secondo l’ideologia dominante, tutto il mondo vuole vivere meglio e godere di una miglior qualità di vita. In maniera generale associa la qualità di vita al Prodotto Interno Lordo di ogni paese. Il PIL rappresenta tutte le ricchezze materiali prodotte da un paese. Quindi, in base a questo criterio,

Migranti forzati del clima

I cambiamenti climatici che stanno sempre più interessando il nostro pianeta hanno inevitabilmente un impatto sullo stile di vita di tutti i suoi abitanti, in primis sulle persone che vivono in contesti particolarmente vulnerabili (per esempio a causa dell’innalzamento del livello del mare o di fenomeni naturali sempre più frequenti e violenti)

Popoli Indigeni e Cambiamento Climatico

Nei giorni di Copenaghen, mentre si discute delle misure da adottare per far fronte al cambiamento climatico che mette in ginocchio sempre più economie e popolazioni, soprattutto del sud del mondo, riproponiamo la dichiarazione dei popoli indigeni di Abya Yala sul cambiamento climatico

Copenaghen: i contadini possono raffreddare il Pianeta e alimentarlo

di Silvia Ribeiro – E’ riunita in questi giorni a Copenaghen – com’è noto –  il summit internazionale sul Cambiamento Climatico.  L’atmosfera è calda, sia tra le negoziazioni ufficiali, sia nel versante dei movimenti, che per la prima volta giungono con decine di migliaia di rappresentanti nei luoghi delle riunioni ufficiali

condividi!

Iscriviti al gruppo “da Copenaghen a Cochabamba ” su Facebook. Clicca qui