Conclusa La Conferenza Sul Clima Di Cochabamba!

Conclusa la Conferenza sul Clima di Cochabamba!

SI CONLUDE la CONFERENZA sul CLIMA di COCHABAMBA

da Cochabamba

Si è chiusa il 22 aprile scorso, in occasione della Giornata Mondiale della Terra, la prima Conferenza Mondiale dei Popoli su Cambiamento Climatico e Diritti della Madre Terra, che ha visto la partecipazione di oltre 30.000 persone arrivate da tutto il mondo. Una partecipazione che va ben oltre le aspettative, e che conferma la necessità condivisa di creare sul tema del clima – dal quale dipendono le sorti del pianeta e della future generazioni – una convergenze mondiale il più ampia possibile.

Dopo 3 giorni di gruppi di lavoro, conferenze e eventi autogestiti giovedì sono state presentate le conclusioni della Conferenza durante il tavolo di dialogo governi-movimenti sociali e, successivamente durante l’atto di chiusura tenutosi nello stadio di Cochabamba alla presenza fra gli altri di Morales, Chavez,  dei vice presidenti di Cuba e Nicaragua e del Ministro degli esteri ecuadoriano.

La dichiarazione finale, chiamata “Accordo dei Popoli” contiene le proposte condivise emerse durante i giorni di lavoro del vertice, tra esse la richiesta di riconoscimento del debito climatico e delle responsabilità del modello capitalista nell’attuale crisi ambientale; la presentazione alle Nazioni Unite della Dichiarazione Universale dei Diritti della Madre Terra; la creazione di un Tribunale Internazionale per la Giustizia Climatica ed Ambientale come istanza giuridica vincolante; il lancio di un Referendum Mondiale sul Cambiamento Climatico.

Le proposte contenute nell’Accordo di Cochabamba saranno fatte proprie e promosse nelle sedi istituzionali, come durante la 16° COP – Conferenza delle Parti sul Clima, prevista a Cancun a dicembre, dai governi dell’Alba.

E proprio a Cancun si sono date appuntamento tutte le realtà presenti qui a Cochabamba, coscienti che l’appuntamento messicano costituirà un momento cruciale nel cammino dei popoli verso la giustizia climatica.

“Pachamama o muerte” è stata la parola d’ordine di questa conferenza: segno che l’esigenza urgente di cambiare modello per garantire la sopravvivenza del pianeta e delle future generazioni è un punto condiviso da tutti.

Concludendo la conferenza, Morales ha affermato: “Siamo di fronte ad una battaglia campale: dobbiamo persuadere i governi indistrializzati a farsi carico della problematica del clima. Oppure, in ultima istanza, se non saremo ascoltati, dovremo organizzarci e rafforzarci socialmente in tutto il mondo per ottenere che le decisioni dei governi e dei popoli del mondo siano ascoltate e rispettate.”

Marica Di Pierri

SPECIALE COCHABAMBA
Per leggere la DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA [in Italiano]

Per leggere gli articoli e i documenti
SPECIALE COCHABAMBA

Articoli usciti durante il vertice:
Clima, un referendum mondiale nel 2011

Vertice sul clima di Cochabamba. Si tirano le somme con lo sguardo rivolto a Cancun

Morales: cambiare il modello, non il clima

L’anticapitalismo al tempo della crisi dell’Occidente

La giustizia climatica può partire da qui. In nome di Madre Terra

Dalla “guerra dell’acqua” alla conferenza sulla Madre Terra

Ricominciamo: Questo sviluppo è insostenibile

Parte a Cochabamba la CONFERENZA MONDIALE SUL CLIMA

Appello di personalità del mondo della cultura, dell’associazionismo e della politica in sostegno alla Conferenza di Cochabamba

Leggi l’appello