Colombia: “Minga” Umanitaria In Territorio Awa

Colombia: “Minga” umanitaria in territorio Awa

mingaE’ iniziata la concentrazione di gente in località Predio Verde, accerchia a quello Scorgo, non c’è giro dietro. Una mobilitazione di protesta e di visibilità per la tragedia del Popolo Awa è stata lanciata per il prossimo aprile. Come avevamo annunciato la settimana scorsa, l’ora zero per tutti gli attori armati della zona del Nariño è scattata prima del previsto.

Centinaia di indigeni Awá, interi nuclei familiari carichi del cibo che sono riusciti a raccogliere da questo lunedì hanno iniziato a lasciare le loro comunità per dirigersi al luogo scelto per la concentrazione, località Predio Verde, nella Riserva El Gran Sábalo, vicino a Diviso, sulla strada per la città di Tumaco.

Nel frattempo, altri indigeni arrivano da altre regioni per rispondere all’appello lanciato dal popolo Awà, attraverso le autorità indigene e la Radio Voce degli Awa e Camawarí Stereo e una commissione formata dalle autorità delle due organizzazioni zonali del paese Awá in Nariño,

UNIPA e CAMAWARI, carichi del mandato affidato loro dalle loro comunità, è giunta nella fredda Bogotà per chiedere giustizia e riparazione integrali per il massacro subito.

Alla commissione si è unita la ONIC, alla quale le due organizzazioni regionali afferiscono, nell’elaborazione di una strategia di incidenza politica con differenti settori della società civile, organismi internazionali, e perfino col governo, come con vari ministeri che speriamo accorrano all’appello nella sede della ONIC.

“Non andremo via con le mani vuote, busseremo a tutte le porte possibili affinché istituzioni, associazioni, organizzazioni internazionali, ci accompagnino ed appoggino per riscattare i corpi dei nostri morti, bonificare i terreni disseminati di mine antipersona, ottenere giustizia, riparazione, e di alzare al cielo le voci ridando nuovamente armonia al nostro territorio ancestrale”, hanno dichiarato le autorità Awa con l’appoggio della Onic, delle organizzazioni sociali ed ONGs presenti in Nariño, come varie agenzie delle Nazioni Unite.

Il Consigliere maggiore dell’ONIC e Presidente del Fondo Indigeno Luis Evelis Andrade si è recato con un volo lampo da Bogotà a Pasto, mentre indigeni e autorità di altri popoli del paese aspettano di partecipare all’incontro con i fratelli Awa che chiedono giustizia nella selva del Nariño.

“Questa volta, non continueremo ad aspettare il ritorno di Efren Pascal, fratello Awa del quale attendiamo notizie dalle FARC dal 2004. Questa volta, in MINGA Umanitaria, come popoli della Colombia, dell’Ecuador e di altri paesi che si stanno unendo, andremo a cercare i fratelli e le sorelle scomparse uno per uno, perché è questione di Dignità”, ha aggiunto Gabriel Bisbicus, Presidente di UNIPA.

Da parte sua, Eder Burgos, governatore di Camawari, ha manifestato che dall’anno scorso è in preparazione una Minga per dare visibilità alle problematiche che vivono le comunità indigene e rurali nelle regioni di frontiera, prevista per aprile.

Proprio ad aprile quindi, è convocata la mobilitazione per esigere dagli attori armati nella regione, di rispettare i diritti dei popoli e il nostro territorio. Spiega Burgos: “La Minga risanerà il territorio, fino alla frontiera di Rumichaca, dove ci ritroveremo coi nostri fratelli rifugiati o che vivono in Ecuador, poiché siamo una etnia binazionale, e la guerra ha violentato tanto la nostra cultura che molti fratelli hanno lasciato le loro comunità per muoversi verso l’Ecuador e verso il dipartimento di Putumayo.”

Nel frattempo, le fumigazioni continuano senza consultazione con le autorità Awá, il governo ha annunciato nuove fumigazioni nel Putumayo; l’inverno sta attanagliando la regione, fino ad ore almeno 7 famiglie Awa sono state danneggiate da frane, scontri tra gli attori armati, intimidazioni ed azioni delle “Aguilas Negras” e dell’ELN.

La Comunità nazionale e internazionale continuano ad affermare che i popoli indigeni della Colombia non sono soli, e che il tentativo di sterminio che si sta portando avanti contro il popolo Awa è un dramma del quale tutti devono farsi carico.

Unitevi alla Gran Minga Umanitaria per la dignità e la sovranità in Colombia!

ONIC in Minga con UNIPA e CAMAWARI
www.onic.org.co