Colombia: Grande Mobilitazione Per L’acqua Pubbica

Colombia: grande mobilitazione per l’acqua pubbica

accccLa proposta metodologica per le assemblee prevede che tutti i comitati territoriali ed le organizzazioni sociali, promuovano la mobilitazione del 18 marzo, mappando problemi e conflitti legati all’acqua in ciascuna regione, riflettendo e dibattendo sui piani regionali per l’acqua proposti dal governo nazionale al fine di costruire agende territoriali per l’acqua definendo le lotta cittadine per le politiche pubbliche alternative in vista del referendum.

Come si ricorderà, il 16 marzo è incominciato il dibattito sulla legge di convocazione del referendum nella Prima Commissione della Camera dei Rappresentanti e contemporaneamente sono iniziate manifestazioni cittadine di pressione al Congresso affinchè venga effettivamente convocata una votazione nazionale per l’acqua ed affinchè non venga modificato il testo popolare presentato, avallato da due milioni di firme. A questo si aggiungono le cento firme di personalità da varie parti del mondo che hanno inviato alla Camera un documento sul tema, e le più di mille personalità colombiane che hanno fatto la loro parte attraverso l’invio di missive che possono essere lette e firmate alla pagina www.ecofondo.org, sito che invita alla mobilitazione del 18 marzo “Senza acqua non c’è vita, marciamo per il diritto dell’uomo all’acqua”.

Domani 18 marzo le delegazioni provenienti da tutto il paese marceranno sino a Piazza de Bolìvar a Bogotà, tra le tre e le cinque del pomeriggio, ingrossando la festa popolare e la giornata della cultura che verrà realizzata ricreando immagini, canzoni, temi teatrali, artistici, di danza e coreografia sul tema dell’acqua, per ribadire ai cittadini di Bogotà e ai membri del Congresso, che la proposta del referendum segue la sua marcia verso la costituzione nazionale e verso il movimento nazionale dell’acqua. I due giorni prima della marcia, 16 e 17 marzo, sono dedicate alla presentazione della proposta con interventi nel centro di Bogotà, nelle sedi di enti ed in spazi pubblici, con la distribuzione di volantini ed altre forme di informazione alla cittadinanza.

Il 19 marzo si terrà un’assemblea nazionale del movimento nella sede del sindacato dell’acquedotto di Bogotà, approfittando della presenza delle delegazioni per la manifestazione del 18, e si porteranno a termine due fori di dibattito sul tema: uno nazionale, il 27 marzo, nell’ambito del Congresso con trasmissioni televisive diffuse in tutto il paese: l’altro internazionale, il 21 ed il 22 di maggio, con esperti e leader cittadini e sociali.

Il torrente cittadino cresce, alimentando la speranza e la convinzione nel cammino per il riconoscimento del diritto umano all’acqua, per il minimo vitale di acqua garantito a tutti i colombiani, per la protezione degli ecosistemi necessari al ciclo dell’acqua e per la gestione pubblica del servizio!

COMITATO PROMOTORE

Asociación de Vocales de Control de Servicios Públicos – AVOCAR; CENSAT Amigos de la Tierra – Colombia; Central Unitaria de Trabajadores – CUT; Comité de Impulso a la Organización Nacional de Acueductos Comunitarios; Corporación Penca de Sábila; ECOFONDO; Organización Nacional Indígena de Colombia – ONIC; Sindicato de Trabajadores de las Empresas de Servicios Públicos – SINTRAEMSDES; Unión Nacional de Usuarios de Servicios Públicos.

Maggiori informazioni:

Traduzione: Alessandra Panzera