Colombia: Condannata La Coca Cola Per Intossicazione

Colombia: Condannata la Coca Cola per intossicazione

Il giudice del Distretto di  Medellín, José Manuel Cuervo, ha condannato la Coca Cola a risarcire economicamente, entro tre mesi, i consumatori per i danni causati e a realizzare gli accorgimenti necessari nel processo di imbottigliamento, al fine di evitare la presenza di corpi estranei nei prodotti della transnazionale.  “Il ricorso legale è stato avanzato con l’aiuto della Personería (ente pubblico che difende i diritti umani) di questa città, da una persona intossicata nell’agosto del 2003, dopo aver bevuto una Coca Cola. Il fatto ha comportato una lesione dei diritti collettivi della sicurezza e della salute pubblica, così come dei diritti dei consumatori”; “Questi fatti costituiscono un’indicazione delle mancanze che rappresentato un rischio nel processo d’imbottigliamento del liquido nello stabilimento di Medellín, situazione che ha causato un danno al querelante.

 
Se non si adottano le correzioni del caso, potrebbero avvenire altri incidenti ai consumatori della bibita”, dichiara la sentenza. 

“L’errore obbliga l’impresa a migliorare lo stabilimento di Medellín, per garantire la pulizia interna delle bottiglie con l’installazione di dispositivi elettronici che individuino corpi estranei o a dimostrare, con  una certificazione della Sovrintendenza dell’Industria e del Commercio, l’uso di una tecnologia avanzata, capace di garantire alti livelli di sicurezza e di salute.   

L’impresa è inoltre obbligata a pagare una somma equivalente a 25 salari minimi alla persona che ha presentato l’azione popolare, 5 salari ad una persona che ha attuato come collaboratore e 25 al Fondo per la Difesa dei Diritti e degli Interessi Collettivi”.

Non è la prima volta che un consumatore si presenta davanti alla giustizia colombiana per lamentarsi della cattiva qualità del prodotto. Il sindacato Sinaltrainal (Sindacato Nazionale dei lavoratori dell’industria alimentare), ha denunciato: “Il 24 maggio del 2007, il signor Carlos Rafael Duran Polo, è stato ricoverato alla clinica Mar Caribe nella città di Santa Marta in Colombia, con dolori addominali, diarrea e vomito. I sintomi erano la conseguenza dell’ assunzione di Coca Cola il giorno anteriore, che conteneva una sostanza non ancora identificata, causandogli i problemi descritti.

Il signor Carlos Rafael Duran Polo, attraverso il suo avvocato, ha avanzato la richiesta al Giudice Civile del Circuito di Santa Marta, di dichiarare l’imbottigliatrice  Román della Coca Cola, civilmente responsabile per aver causato danni a seguito dell’ingestione della bibita contaminata e che si condanni l’impresa al pagamento del danno procurato”.

Sinaltrainal esige verità, giustizia e risarcimento integrale per le vittime.

Area Internazionale
Sinaltrainal