Cile: Visita Del Relatore Speciale Sulle Questioni Indigene Dell’ONU

Cile: visita del relatore speciale sulle questioni indigene dell’ONU

monedaIn un comunicato, il Consiglio di Tutte le Terre esprime la propria soddisfazione per la visita al paese e al territorio Mapuche. Il Consiglio afferma che le visite dei Relatori delle Nazioni Unite hanno avuto come obiettivo la risoluzione delle controversie fra le vittime delle violazioni ai diritti umani e la posizione negativa adottata dal governo di Michelle Bachelet, identica a quella finora adottata dai precedenti governi.

 

“La visita del Relatore Speciale è avvenuta in un momento in cui il Cile si presenta alla comunità internazionale come un paese in via di sviluppo. Senza dubbio, la politica agro-forestale nel sud del paese avviene a costo della negazione e della repressione dei diritti del popolo Mapuche, con l’applicazione della Legge Anti-terrorista che crea una specie di Guantánamo per i capi delle organizzazioni, e con la criminalizzazione sistematica delle organizzazioni che promuovono il rispetto dei diritti umani dei popoli indigeni”, affermano.

 

L’incontro tra il Relatore Speciale, il Consiglio, una delegazione della Scuola per l’Autogoverno Mapuche ed i familiari dei prigionieri politici Mapuche è avvenuto due giorni fa, a Temuco. “Purtroppo, il poco tempo a disposizione del Relatore Speciale, durante la sua visita nel Territorio Mapuche, gli ha impedito la visita alle comunità militarizzate e ai detenuti nelle diverse carceri della regione, impedendogli altresì la conoscenza dell’impatto dell’ecocidio provocato dalle attività delle imprese forestali nel territorio Mapuche”, segnalano.

 

La visita è cominciata con una riunione con gruppi indigeni  nella sede di Amnistia Internazionale Cile.

 

Il 7, oltre alla riunione con le organizzazioni indigene a Temuco, il Relatore si è incontrato con il Presidente della Repubblica, Michelle Bachelet, nel Palazzo della Moneda.  La visita è terminata con un incontro con organizzazioni indigene ad Iquique.

 

Traduzione di Federica Amici