Bolivia: Approvata La Legge Elettorale

Bolivia: approvata la Legge Elettorale

bolivia elezioniLa legge per la prima volta permette ai boliviani residenti all’estero di votare è stata promulgata dal presidente Evo Morales.

I legislatori hanno approvato la nuova normativa al termine di una lunga sessione iniziata molte ore prima e caratterizzata dalle febbrili negoziazioni tra dirigenti del MAS e partiti dell’opposizione.

Secondo la nuova legge, sarà elaborata una nuova anagrafe elettorale – come rischiesto dall’opposizione – che incorporerà caratteristiche biometriche, cioè impronte digitali, fotografia digitale e firma, oltre ai dati riferiti all’identità. Per il registro si permetterà l’uso del certificato di identità, del Registro Unico Nazionale o del libretto di Servizio Militare.

La Legge convoca elezioni generali per l’elezione di presidente, vicepresidente e membri dell’Assemblea Legislativa Plurinazionale per domenica 6 di dicembre. Il mandato dei nuovi governanti avrà un periodo di cinque anni. I nuovi mandatari prenderanno possesso  il 22 gennaio 2010.

Secondo la nuova legge saranno proclamati eletti i candidati che abbiano ottenuto per lo meno il 50 percento dei voti validi, con una differenza di almeno 10 percento in relazione alla seconda candidatura più votata. Se le candidature non raggiungono le percentuali minime indicate, si realizzerà un secondo giro con i due candidati più votati e si proclamerà vincitore chi ottenga la maggioranza semplice di voti.
Le elezioni delle autorità dipartimentali e municipali sarà realizzata domenica 4 aprile 2010. Il mandato sarà  di 5 anni. Le nuove autorità prenderanno possesso  il 30 maggio 2010.

La nuova legge dispone che per l’elezione dei deputati il territorio boliviano sarà diviso in 70 circoscrizioni, sette delle quali saranno considerate originarie contadine.

La nuova legge permetterà il voto dei boliviani nell’esterno, previa iscrizione nel registro elettorale e previo censimento realizzato dalla Corte Nazionale Elettorale.

Inoltre, la nuova disposizione legale convoca referendum sulle autonomie dipartimentali per i dipartimenti di La Pace, Potosí, Chuquisaca, Oruro e Cochabamba, oltre che un referendum regionale nella provincia Gran Chaco di Tarija.

Dopo l’approvazione della nuova legge, il presidende Morales ha sospeso lo sciopero della fame  iniziato sei giorni fa.

da: Bolpress