Clim’Act – Youth for Climate 27 giugno, 2017 | Redazione A Sud

Schermata 2017-07-06 alle 12.54.09

 

IL PROGETTO

 

Per rispondere all’enorme sfida posta a livello globale dal cambiamento climatico, Clim’Act ha promosso un’esperienza di capacity building per il campaining sociale sulla giustizia climatica, rivolta a giovani ed educatori. Il progetto ha rappresentato un’opportunità unica per giovani italiani, bulgari, ecuadoriani e nigeriani di diverse estrazioni sociali, economiche e culturali, per incontrarsi, mettere a confronto le loro esperienze, collaborare e lavorare in squadra per individuare e implementare strumenti utili a combattere il cambiamento climatico.

 

LE ATTIVITÀ

 

Il progetto ha previsto l’organizzazione di un Climate Camp intensivo di formazione e capacità building mirato a un target giovanile, con l’obiettivo di costruire una campagna internazionale condivisa tra tutti i partner sul tema del contrasto al riscaldamento globale.

 

Il Clim’Act CAMP si è svolto dal 9 al 16 luglio 2017 a Roma, nel parco dell’Aniene, presso le strutture del CSA La Torre.  La campagna, elaborata dai partecipanti durante il camp, è stata lanciata nell’autunno del 2017, per fare pressione sui decisori politici durante la Cop23 di Bonn sui cambiamenti climatici, celebrata dal 6 al 17 novembre 2017.

 

 

Vai al CAMP

Scarica il programma del camp

Leggi il comunicato e scopri tutti i dettagli

 

 

 

MISSION DEL PROGETTO

Quattro obiettivi principali:

 

  • Potenziare l’educazione alla cittadinanza attiva nel campo dei cambiamenti climatici, grazie ad un percorso collettivo di formazione informale, al rafforzamento degli scambi tra partner e alla cooperazione internazionale incentrata sul lavoro con i giovani;
  • Sviluppare competenze chiave per i giovani mediante capacity building in campagne contro il cambiamento climatico, in particolare competenze digitali nella gestione dei social media, abilità linguistiche, interculturali e civiche mirate all’accrescimento della consapevolezza culturale favorito dalla cooperazione internazionale, l’apprendimento partecipato e la cittadinanza attiva;
  • Rafforzare la capacità dei giovani di seguire e analizzare i processi decisionali internazionali relativi ai cambiamenti climatici. Le attività di capacity building e realizzazione di campagne forniranno capacità analitiche e proattive affinché i giovani possano condurre azioni di sensibilizzazione ed esprimere la loro posizione sui summit negoziali delle Nazione Unite sul clima COP 23 e COY 13 che si terranno a Bonn nel novembre 2017;
  • Migliorare l’inclusione sociale di giovani svantaggiati attraverso la collaborazione interculturale e la cittadinanza attiva.

 

Per raggiungere tali obiettivi, il progetto ha realizzato due macro attività:

 

 

Il Clim’Act Camp

 

Un coinvolgente campo estivo di sei giorni a luglio 2017 nella Riserva Naturale della Valle dell’Aniene a Roma, per fornire competenze chiave e sviluppare le abilità di 24 giovani e 13 educatori provenienti da Nigeria, Bulgaria, Ecuador e Italia, in modo da rafforzare nei giovani la capacità di ideare e portare avanti campagne sui cambiamenti climatici.
Il camp è stato un incontro internazionale sul clima, caratterizzato da una logistica ecologica per stimolare comportamenti e consumi sostenibili. Tramite strumenti di apprendimento reciproco, scambio di pratiche e conoscenze, team building, lezioni e attività creative e partecipative si sono rafforzate le capacità dei partecipanti e si è elaborata una strategia di campagna sui cambiamenti climatici collettiva e coordinata. La campagna costruita dal basso ha permesso un maggiore sviluppo di competenze e capacità giovanili nel campaigning sociale ed ambientale.

 

Vai al CAMP

Scarica il programma del camp

Leggi il comunicato e scopri tutti i dettagli

Il racconto del Camp

Il video del Camp
Le foto del Camp

 

Le interviste:

 

Ruchi Shroff – Navdanja International
Luca Saltalamacchia – Avvocato Ikebiri contro ENI
Thor Markussen – Friends of Earth Europe
Marie Toussaint – Notre affaire à tous
Letizia Galli – Medici senza Frontiere
Luca Visone – Medici senza Frontiere
Valerio Gatto – SemiVolanti
Marcelo Echeverria – La Incre
Faikham Harnnarong – Thailandia
Libre-Joe Maimoni Mariere – Nigeria
Ani Koleva – Bulgaria
Jorge Espinosa – Ecuador

 

 

I Partner del progetto

 

Il partenariato Clim’Act è composto da quattro organizzazioni che si occupano di giustizia climatica provenienti da Bulgaria, Ecuador, Italia e Nigeria:

 

Accion Ecologica / ECUADOR
Fondata in Ecuador nel 1989, Accion Ecologica è una delle più importanti organizzazioni di giustizia climatica e ambientale dell’America Latina. Membro del network Oilwatch
www.accionecologica.org
www.oilwatch.org/en/

 

A Sud / ITALIA

Fondata nel 2003, A Sud promuove la giustizia ambientale in Italia e a livello internazionale, fornendo supporto a comunità locali impattate e attive in conflitti ambientali. Membro del network Ejolt
www.asud.net
www.ejolt.org

 

E.R.A. / NIGERIA

Fondata nel 1993, ERA è tra le maggiori organizzazioni di giustizia ambientale in Nigeria, con oltre 200 volontari in tutto il paese. ERA è membro di Friends of the Earth International e di Oilwatch.
www.erafoen.org
www.foei.org
www.oilwatch.org/en

 

ZaZemiata / BULGARIA

Fondata nel 1995, ZaZemiata è una delle maggiori organizzazioni ambientaliste in Bulgaria, impegnata nello sviluppare alternative sostenibili al modello energetico basato su fonti fossili. Membro di Friends of the Earth Europe
www.foeeurope.org

 

Finanziamento

 

Schermata 2017-07-06 alle 11.16.06 Il progetto CLIM’ACT è cofinanziato dal Programma Erasmus+ dell’Unione Europea

Importo finanziato: 96.457,55 €

 

Tags:



Back to Top ↑