Speciale G7 ENERGIA a Roma. Occasione persa più che mai 10 aprile, 2017 | Redazione A Sud

logo g7 energiaChiude a Roma il #G7Energia: un meeting più inutile che mai. Neanche la dichiarazione congiunta. E la #Sen slitta.

 

Si chiude a Roma il G7 Energia senza neanche la solita, rituale, dichiarazione congiunta conclusiva. Neppure sulle formule di rito si trova un accordo. Già alla strada del contrasto al cambiamento climatico non bastavano le roboanti dichiarazioni di impegno in sede internazionale, se le politiche nazionali restano poco ambiziose ed ancorate allo sfruttamento intensivo delle fonti fossili. Adesso, con l’amministrazione Trump al potere, neanche la forma è salva. Intanto il governo italiano annuncia che presenterà le linee guida della nuova Sen il 27 aprile. Linee guida decise in stanze chiuse, assieme alle lobbies del fossile, senza reali processi partecipativi, senza il profondo ripensamento di modello energetico che sarebbe necessario. Di certo non si taglieranno gli incentivi alle fonti fossili, non si bloccheranno nuovi progetti estrattivi, non si cambierà la strategia rifiuti basata sull’incenerimento, non si incentiverà la produzione diffusa di energia. Però si continuerà ad affermare, senza alcuna coerenza, che l’Italia è protagonista della lotta ai cambiamenti climatici.

 

Il nostro bollettino speciale dedicato al meeting e alle sue implicazioni.

VAI ALLO SPECIALE G7 ENERGIA

 

 

 

 

Tags:



Back to Top ↑