Speciale COP22 – A Sud a Marrakech. Segui gli aggiornamenti 9 novembre, 2016 | Redazione A Sud

   COP22: LA COP DELL’AZIONE?

we_will_move_aheadSi celebra dal 7 al 18 novembre a Marrakech la 22° Conferenza delle Parti ONU sui cambiamenti climatici. A un anno dalla sigla a Parigi dell’Accordo globale sul clima,  sulla Cop22 è concentrata l’attenzione della comunità internazionale. Ribattezzata la Cop dell’azione, la Conferenza di Marrakech dovrebbe definire gli aspetti d’implementazione dell’Accordo, entrato in vigore lo scorso 4 novembre.

   A SUD ALLA COP22

A Marrakech sarà presente una delegazione dell’Associazione A Sud che seguirà le negoziazioni, i forum sociali di discussione e le mobilitazioni, riportando aggiornamenti e notizie dalle giornate della Cop.  Fino alla chiusura della Conferenza, prevista per venerdì 18 novembre, invieremo periodicamente una newsletter con le principali novità, interviste ed approfondimenti sulle tematiche in discussione.

      LEGGI I NOSTRI BOLLETTINI CON TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

      BOLLETTINO N. #1

      BOLLETTINO N. #2

      BOLLETTINO N. #3

      BOLLETTINO N. #4

  Per ricevere i nostri bollettini da Marrakech invia una mail con oggetto: “Speciale Cop22 – Iscrivimi” all’indirizzo: redazione@asud.net

 

SEGUI I NOSTRI CANALI WEB:      SITO   |    FACEBOOK    |    YOU TUBE    |   TWITTER

   L’AGENDA

L’agenda è particolarmente ricca: accanto alla 22° Sessione della Conferenza delle Parti della Convenzione quadro sui Cambiamenti Climatici  e alla 12° sessione della Conferenza delle Parti firmatarie del Protocollo di Kyoto (CMP12) si svolgerà a Marrakech tra il 15 e il 18 novembre il primo incontro della Conferenza delle Parti che hanno ratificato l’Accordo di Parigi (CMA), organo di governo dell’Accordo, dotato di competenza su tutte le questioni procedurali, amministrative ed operative. Le questioni prioritarie riguarderanno comprensibilmente l’entrata in vigore dell’Accordo e lo svolgimento della Prima sessione della CMA.   Per sedersi al tavolo delle decisioni della CMA1, i paesi devono aver depositato gli atti di ratifica, accettazione, adesione o approvazione almeno 30 giorni pri- ma dell’inizio della conferenza. Sulla base di questa previsione alcuni Paesi, come l’Italia che ha concluso l’iter di ratifica solo il 27 ottobre scorso, potranno partecipare ed intervenire ma non avranno diritto di voto. Durante questa prima sessione, la CMA è chiamata a discutere modalità e linee guida per garantire piena applicazione ai contenuti dell’accordo. Tra le guide linea sono incluse quelle riguardanti la valutazione degli INDC e la trasparenza dei criteri.     infografica_MAKING OUR WAY TO MARRAKECH Gli argomenti chiave in discussione a Marrakech saranno:

  • valutazione degli INDC e trasparenza dei criteri e dei target in essi previsti
  • elaborazione del bilancio globale
  • definizione di modalità e procedure per garantire l’efficace funzionamento del comitato incaricato di facilitare l’implementazione dell’Accordo
  • impegni finanziari

Ulteriore tematica nell’Agenda della COP21 riguarda la revisione del meccanismo introdotto a Varsavia riguardante Loss and Damage (WIM). Già durante la COP19 si decise infatti che tale meccanismo doveva essere riesaminato e discusso, a partire dalla sua struttura ed efficacia, durante la COP22.   Particolare attenzione è rivolta alle questioni legate agli impegni finanziari e alla presentazione dei Rapporti di avanzamento riguardanti il Fondo Verde per il Clima e il Global Environment Facility nonché alla sesta revisione del meccanismo di finanziamento connesso. Specifico spazio è infine riservato alla discussione concernente il legame tra cambiamenti climatici e dimensione di genere.

   L’AGENDA SOCIALE

Nei giorni della Conferenza si terranno diverse iniziative e forum di discussione organizzate dalla società civile. La manifestazione di piazza, la Climate March, è in programma per domenica 13 novembre.   Nello Spazio cittadino autogestito, che sarà ospitato dal 14 al 17 novembre presso la Facoltà di Scienze e Tecnologia dell’Università di Marrakech, i lavori saranno organizzati attorno a distinti spazi di discussione: Copafrica, Mediterraneo, Grandi temi, Attività autogestite, Assemblee di convergenza. Più di 300 attività sono state registrate per lo spazio autogestito. Il 18 è in programma l’assemblea conclusiva all’interno del cosiddetto Spazio Verde.   Maggiori informazioni: Coalition Climate 22

 

  CONTATTI E RASSEGNA

Di seguito i nostri contatti, articoli e dossier dalla Cop22

 

  NOTIZIE SULLA E DALLA COP22 DI MARRAKECH

Marica Di Pierri su Il Manifesto del 19.11.2016

Marica Di Pierri su Il Manifesto del 19.11.2016

Marica Di Pierri su Left del 19.11.2016

Redazione A Sud il 19.11.2016

Redazione A Sud il 18.11.2016

Marica Di Pierri su L’Huffington Post del 18.11.2016

ElleEsse, RadioArticolo 1 puntata del 18.11.2016

Marica Di Pierri su A Sud del 17.11.2016

Redazione A Sud il 17.11.2016

Redazione A Sud il 17.11.2016

Intervista a Marica Di Pierri su ofcsreport del 16.11.2016

Marica Di Pierri su Il Manifesto del 16.11.2016

Tosca Ballerini su CDCA – Centro Documentazione Conflitti Ambientali del 16.11.2016

Redazione A Sud il 16.11.2016

Redazione A Sud il 16.11.2016

Redazione A Sud il 16.11.2016

Redazione A Sud il 16.11.2016

Marica Di Pierri su Il Manifesto del 15.11.2016

Marica Di Pierri su Rete della Conoscenza del 15.11.2016

Redazione A Sud del 14.11.2016

Luca Bracali su A Sud del 14.11.2016

Marica Di Pierri su Il Manifesto del 13.11.2016

Salvatore Altiero su A Sud del 13.11.2016

Raffaele Lupoli su Left 12.11.2016

Marica Di Pierri su Il Manifesto del 10.11.2016

Marica Di Pierri su Huffington Post del 9.11.2016

Redazione A Sud

Salvatore Altiero su CNS Ecologia Politica di ottobre 2016

 

VIDEO:

Studio 24, RaiNews puntata del 14.11.2016   VUOI SAPERNE DI PIU’?

  IL NOSTRO DOSSIER   copertina-italia-vista-da-parigiL’ITALIA VISTA DA PARIGI Impegni internazionali e politiche nazionali per la lotta ai  cambiamenti climatici   Una pubblicazione di A Sud | CDCA © Copyright 2016 Prima edizione novembre 2016 ISBN 978-88-940714-8-1   Coordinamento editoriale : Marica Di Pierri e Tosca Ballerini Autori: Tosca Ballerini, Marica Di Pierri, Maura Peca Progetto Grafico: Marica Di Pierri Crediti fotografici: © Luca Bracali   A un anno dalla firma dello storico Accordo di Parigi, il mondo non sembra essere sul punto di compiere la svolta a U necessaria a riscrivere i destini climatici del pianeta con un lieto fine. Già ratificato da un numero di Parti tale da permetterne l’entrata in vigore anticipala, l’Accordo rappresenta senza dubbio un fondamentale punto di partenza per costruire un quadro di riferimento globale e vincolante nella lotta contro il tempo per scongiurare la più grande catastrofe che pende sull’umanità: quella climatica. Le questioni aperte restano tuttavia numerose, alcune delle quali dirimenti, e vanno sciolte quanto prima per dare al framework legale la possibilità di incidere concretamente sulla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra.   La pubblicazione intende contribuire al dibattito pubblico sul tema, attraverso l’analisi di una corposa letteratura di report scientifici, documenti istituzionali e dossier statistici elaborati da centri di ricerca internazionali. Obiettivo è fare il punto sulle ultime evidenze scientifiche, sullo stato di avanzamento delle negoziazioni, sugli impegni presi dai singoli Paesi e sull’adeguatezza delle politiche messe in campo dall’Unione Europea e dall’Italia rispetto agli obiettivi fissati in sede internazionale.   Da questo punto di vista, le contraddizioni risultano ancora molteplici ed evidenti.  Come vedremo, per il nostro paese l’obiettivo di riduzione del 33% delle emissioni entro il 2030 non è accompagnato da politiche adeguate: la moltiplicazione degli investimenti in progetti di sfruttamento di energie fossili, in infrastrutture per il trasporto su gomma o in politiche di incenerimento dei rifiuti, unite alla mancanza di adeguati incentivi per la transizione energetica e la decarbonizzazione rendono gli impegni presi dichiarazioni di rito non sostanziate al momento dalle necessarie assunzioni di responsabilità politica.     SCARICA LA PUBBLICAZIONE  
  CONTATTI E INTERVISTE DA MARRAKECH:   Per contattare la delegazione italiana a Marrakech:   Marica Di Pierri maricadipierri@asud.net +212 622953109 +39 348 6861204 Skype: maricadipierri   Laura Greco lauragreco@asud.net

Tags:



Back to Top ↑