Progetto: Ricostruiamo Pescomaggiore 20 agosto, 2009 | Redazione A Sud


A Sud appoggia il progetto di autocostruzione di un ecovillaggio a Pescomaggiore, promosso dal Comitato per la Rinascita di Pescomaggiore insieme a numerosi altri soggetti, reti e cittadini.

 

Ecovillaggio Autocostruito Pescomaggiore

Intervento in autocostruzione di unità abitative a Pescomaggiore – AQ


Come progetto concreto alternativo al Piano C.A.S.E., operazione speculativa, di facciata e devastante per il territorio aquilano che dimostra come sia possibile ricostruire in maniera partecipata e ambientalmente sostenibile, senza impatto sull’ambiente, valorizzando i territori, mantenendo viva la memoria dei luoghi ed in prospettiva creando lavoro in un contesto altrimenti in totale abbandono.

Contesto normativo:

Il Decreto del Commissario Delegato n 3 del 16/04/2009 individua la lista dei comuni danneggiati dagli eventi sismici che hanno colpito la provincia dell’Aquila ed altri comuni della regione Abruzzo il giorno 6 aprile 2009.

Il Decreto legge n.39 del 28 aprile 2009 riguarda gli “Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici nella regione Abruzzo nel mese di aprile 2009 e ulteriori interventi urgenti di protezione civile”.

All’interno di questo quadro sono state lanciate due misure d’intervento e due Bandi di Gara:
– Bando C.A.S.E sul territorio comunale di L’Aquila
– Bando Moduli Abitativi Provvisori nei rimanenti comuni del cratere

Le due misure varate dal governo provvederebbero alle esigenze abitative di parte degli abitanti degli stabili danneggiati (esiti “E”). Il bando C.A.S.E. prevede il trasferimento di tutti gli abitanti del comune dell’Aquila in quartieri di nuova costruzione localizzati in 20 aree individuate idonee dalla Protezione Civile. Data la numerosa presenza di frazioni all’interno del territorio del comune, spesso si verifica una notevole distanza tra questi piccoli centri storici e i nuovi quartieri. Alcuni paesi quindi resteranno abbandonati per lunghi anni e preda di operazioni speculative.

Pescomaggiore:

Pescomaggiore è un piccolo centro situato a ridosso del Monte Croce, a 15 Km dal centro dell’Aquila e a circa 10 Km dal più vicino quartiere del progetto C.A.S.E.. Il trasferimento dei suoi abitanti in alloggi del progetto del Governo significherebbe l’abbandono del paese. Il paese già soffriva per la presenza di attività estrattive adiacenti all’abitato e al Parco. Dal 2007 il Comitato per la Rinascita di Pescomaggiore è attivo per ridare linfa al paese, conservare e diffondere la memoria collettiva e far conoscere, attraverso iniziative artistiche e culturali questo borgo.

 

Il progetto:

► che cosa:
Si tratta di costruire un eco-villaggio con moduli abitativi minimi di circa 45 mq che risponderanno ad esigenze di piccoli nuclei famigliari (giovani coppie e anziani).
Il progetto architettonico prevede un minimo impatto ambientale. Si basa sui principi della bioedilizia e del risparmio energetico con sistemi sia attivi che passivi. La tecnologia costruttiva prevede l’utilizzo di una struttura in legno portante e tamponatura in balle di paglia. L’energia elettrica verrà fornita da impianti fotovoltaici e il riscaldamento da stufa a pellet.  

► per chi:
Le famiglie di Pescomaggiore hanno deciso di dribblare la proposta del Governo di ricevere alloggi nel nuovo mega-quartiere. Questo per non abbandonare il paese in cui sono nati. Hanno messo a disposizione un terreno adiacente al centro storico del paese per poter costruire le case.

► quando:
Subito, grazie alla disponibilità del terreno adatto alla costruzione dell’eco-villaggio. Ad una attenta fase di progettazione, in partecipazione con il gruppo di famiglie è seguita la fase di espletamento delle pratiche edilizie necessarie. Nel frattempo la comunità ha già provveduto ad una veloce pulizia dell’area. Il cantiere è pronto per partire. Verranno organizzate squadre di lavoro che garantiranno la realizzazione delle casette prima dell’arrivo della stagione invernale, priorità assoluta vista la rigidezza del clima locale.

► come:
Coinvolgere i futuri abitanti di questi alloggi sia nella fase di progettazione che di costruzione per assicurare alta qualità degli spazi, risparmio economico e garantire un forte legame fra gli abitanti stessi e la loro casa-villaggio.

Anche la costruzione di questi piccoli edifici avverrà quindi in un processo di autocostruzione, consentita dalla semplice tecnologia costruttiva.

SOSTEGNO LOGISTICO:

Partecipa attivamente alle squadre di lavoro per l’autocostruzione clicca qui
Guarda la lista in continuo aggiornamento del materiale necessario clicca qui

SOSTEGNO ECONOMICO:

IBAN: IT 87 S 057481 54041 00000008397
COMITATO PER LA RINASCITA DI PESCOMAGGIORE
CAUSALE: ECOVILLAGGIO

Guarda altre immagini del progetto clicca qui

Contatti:
Antonio Cacio: 328 5428008     A Sud

stampa: Sara Vegni 3391932618

saravegni@asud.net

 

Tags:



Back to Top ↑