OMS: il cambiamento climatico causa 250.000 morti in piu l’anno. 17 novembre, 2016 | Redazione A Sud

climate-and-healthCon i cambiamenti climatici le condizioni di vita di ampie fasce della popolazione mondiale, già vulnerabili dal punto di vista socio economico, stanno peggiorando al punto da causare un’ecatombe.

 

Malnutrizione, malaria, patologie acute connesse alle ondate di calore e diarrea sono tra le cause dei 250 morti l’anno che l’Organizzazione Mondiale della Sanità attribuisce ai mutamenti ecologici connessi al caos climatico. A questi si uniscono i circa 7 milioni di persone che muoiono a causa dell’inquinamento atmosferico. Il primato europeo ce l’ha l’Italia, con 84.000 morti premature l’anno causate dall’aria inquinata, secondo i dati diffusi l’anno scorso dall’AEA – Agenzia Europea per l’Ambiente.

 

L’annuncio è stato dato nel luglio scorso a Parigi durante la Seconda Conferenza Globale sulla Salute e sul Clima, in corso a Parigi, ma la sua eco intendeva arrivare fino ai delegati riuniti in questi giorni a Marrakech per la Cop22.

 

I legami tra cambiamenti climatici e salute sono enormi e drammatici in molti luoghi del pianeta. Secondo Flavia Bustreo, vice direttore dell’Oms per la salute familiare, femminile e infantile, il bilancio delle morti dovute a inquinamento e caos climatico è “drammatico ma soprattutto evitabile”. L’Oms ha denunciato che appena l’1,5% dei finanziamenti stanziati a livello internazionale per azioni climatiche sono dedicate a progetti di promozione e tutela della salute pubblica, a fronte di costi sanitari enormi, stimati al 2030 tra i 2 e i 4 miliardi di dollari.

 

L’organizzazione internazionale chiede ai paesi la promozione di politiche concrete a partire dai trasporti e dall’approvvigionamento energetico. Perchè agire concretamente a tutela del pianeta, ci ricorda, significa anche salvare centinaia di migliaia di vite umane ogni anno.

 

 

Redazione A Sud

Tags:



Back to Top ↑