Cittadini e cittadine della regione mobilitiamoci!   Dopo il parere positivo della commissione ministeriale Via pensiamo sia necessario attivare tutti i cittadini e tutte le cittadine, le reti sociali e associative, il mondo imprenditoriale agricolo e turistico, gli enti locali, per costruire una mobilitazione efficace che sia in grado di fermare il progetto Ombrina Mare.

Lotte ambientali e democrazia Conflitti e strumenti per la giustizia ambientale: un Atlante e un Tribunale d’opinione per le comunità resistenti INIZIATIVA PUBBLICA 16 MAGGIO ORE 18:00   Verso il corteo del 23 maggio a Lanciano No Ombrina Mare contro tutte le trivelleFermare lo Sblocca ItaliaFermare l’onda fossile del governo Renzi   Scarica la locandina

SOCIAL CAFÈ || LIVING OIL: estrazione di petrolio, devastanti fuoriuscite ed effetti sul clima nel Delta del Niger     La Città dell’Utopia, via Valeriano 3F, 00145 Roma | h. 19:30     È il petrolio una maledizione o una benedizione? In Nigeria l’estrazione di petrolio è l’attività principale e la rende una delle maggiori

[Comunicato stampa del 7 ottobre 2015 del Coordinamento No Ombrina] Il 14 ottobre a Roma, davanti la sede del ministero dello sviluppo economico in via Molise 2, a partire dalle 10:30, il Coordinamento No Ombrina ha organizzato un sit-in chiedendo l’appoggio anche da altre regioni per bloccare il progetto Ombrina Mare che porterebbe le trivelle nel

Roma || 8 novembre 2015 “Assemblea Nazionale verso il referendum No Triv”   Csoa Ex Snia – Via Prenestina 173, ore 10.   Di seguito l’appello e l’OdG dell’assemblea:   Il 30 Settembre scorso è accaduto qualcosa di unico e straordinario nella storia dell’Italia Repubblicana: la pressione esercitata da oltre 200 associazioni, comitati, movimenti territoriali

In occasione della COP21, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, il Centro Sociale La Strada e La Città dell’Utopia, in collaborazione con A Sud, promuovono due giornate di dibattito e confronto sui temi della crisi ambientale e climatica che, insieme a quella economica, pone l’attuale modello produttivo di fronte ad una contraddizione insuperabile:

Il nostro sistema economico e il Pianeta sono in guerra: il clima necessita di una drastica contrazione del consumo di risorse per evitare il collasso; il sistema produttivo necessita invece di incrementarne lo sfruttamento [Naomi Klein – This changes everything]   “This changes everything. Capitalism vs the climate”: un film di Avi Lewis (info qui) tratto dal

CS_ItaliaDirittiUmaniAmbientali10122015 (1)  Giustizia Ambientale e Diritti Umani. In Italia i rappresentanti del processo Chevron/Texaco per l’inquinamento della foresta amazzonica.   Due tappe italiane per il “Tour europeo dei Diritti”, con due autorevoli testimoni nei giorni del Vertice di Parigi sui Cambiamenti Climatici.   Il 10 e l’11 dicembre a Milano e Roma saranno presenti in incontri pubblici e

L’11 dicembre, A Sud, Rete della conoscenza e il CSOA La Strada, in collaborazione con Sparwasser (Circolo Arci), propongono a Roma un incontro con due protagonisti del processo Chevron/Texaco che ha visto le comunità indigene dell’Amazzonia ecuadoriana opporsi alla compagnia petrolifera che per anni ha inquinato il territorio e calpestato i loro diritti. Per raccontare

  Iniziativa pubblica a sostegno del REFERENDUM del 17 APRILE     domenica 20 marzo | h. 20.00 Csoa La Strada | Via Passino 24   Partecipa e diffondi su facebook Scarica la locandina Sostieni il referendum. Vota Sì! Sostieni Italian Offshore, guarda un estratto!     Intervengono:   ANDREA SEGRE MONI OVADIA   A