Diritti delle donne e imprese 24 ottobre, 2018 | Redazione A Sud

Sottoscriviamo e diffondiamo l’appello

 

Traduzione a cura di Annalisa Cavallini per A Sud

 

 

Fermiamo la violazione dei diritti delle donne da parte delle imprese

 

Noi sottoscritte femministe, gruppi per i diritti delle donne e alleati della società civile di tutto il mondo chiediamo ai governi di sostenere lo strumento giuridicamente vincolante sulle società transnazionali e sui diritti umani. I negoziati alle Nazioni Unite rappresentano l’unica possibilità per gli Stati Membri di dimostrare la volontà politica di mettere la giustizia economica, la giustizia ambientale, la giustizia di genere e la responsabilità nei confronti delle persone al di sopra degli interessi aziendali.

 

Ora è tempo che gli Stati Membri delle Nazioni Unite adempiano finalmente al loro obbligo di rispettare, promuovere e proteggere i diritti umani e l’ambiente e porre fine all’impunità delle imprese.

 

La portata e l’impatto delle operazioni aziendali in tutto il mondo sta causando gravi danni a milioni di persone e all’ambiente: dall’accaparramento delle terre e trasferimenti forzati alla contaminazione di acqua e suolo, alla perdita di vite umane di donne che difendono i diritti umani fondamentali, mezzi di sussistenza, libertà e territori. Migliaia di accordi commerciali e di investimento salvaguardano gli interessi aziendali, senza alcun rispetto per il consenso libero, previo e informato, per la consultazione delle comunità interessate, né è stato creato alcun quadro normativo corrispondente per proteggere i diritti umani e l’ambiente dagli abusi delle società.

 

Noi, donne, ragazze e persone di ogni genere, età, identità razziale ed etnica sperimentiamo violazioni dei diritti, violenze e discriminazioni da parte delle aziende. Patriarcato, razzismo e capitalismo lavorano insieme per opprimere le donne, in particolare nel Sud del mondo e nelle comunità emarginate:

  • Noi, produciamo la maggior parte del cibo nel mondo e tuttavia siamo le prime che soffriamo per il livello estremo di povertà, fame, malnutrizione, perdita di terra, acqua e mezzi di sussistenza.
  • Noi, siamo impiegate negli ambienti di lavoro più precari con la minor protezione del lavoro (ad esempio il settore informale e le lavoratrici rurali), guadagniamo stipendi più bassi e ci facciamo carico della maggior parte del lavoro di cura a livello mondiale, non retribuito.
  • Noi, sperimentiamo violazioni enormi dei diritti dei lavoratori, attacchi al nostro diritto di organizzazione e libertà di associazione e violenza sessuale sul lavoro.
  • Noi, siamo le più colpite dall’accaparramento di terre, dai trasferimenti forzati di comunità e dall’estrazione massiccia di risorse naturali, ma anche ci vene negato l’accesso alla terra e siamo escluse dai processi decisionali, dal risarcimento e dall’accesso alla giustizia.
  • Noi, portiamo il peso delle attività societarie militarizzate, che consentono molteplici casi di stupro da parte di forze di sicurezza pubbliche e private e attacchi contro le donne difensore dei diritti umani.
  • Noi, siamo le più colpite da tutte le forme di ingiustizia fiscale e dalla privatizzazione dei servizi pubblici, spesso guidati da accordi commerciali e di investimento e politiche di austerità imposte dalle istituzioni finanziarie internazionali
  • Noi, siamo le più significativamente colpite dal cambiamento climatico e dagli eventi meteorologici estremi alimentati dalle industrie dei combustibili fossili e dai paesi del Nord del mondo. Le donne hanno maggiori probabilità di essere uccise durante i disastri e devono affrontare un aumento del rischio di violenza sessuale e di genere durante i disastri
  • Noi, affrontiamo minacce, criminalizzazione, repressioni, violenze di genere e sessuali e persino omicidi a causa del nostro lavoro di resistenza agli abusi delle imprese in difesa dei diritti umani, delle libertà fondamentali e della democrazia responsabile.

 

Riconosciamo che l’attuale sistema economico globale è costruito per dare priorità ai profitti piuttosto che alla vita delle persone e all’ambiente. Le multinazionali, in particolare, sono in grado di sfuggire alle responsabilità a causa di scappatoie legali che consentono l’impunità a più livelli, minando la democrazia e lo stato di diritto. Il livello senza precedenti di potere di cui godono le società transnazionali attraverso clausole di risoluzione delle controversie investitore-stato (ISDS) degli accordi commerciali e degli investimenti è preoccupante. Queste, concedono un potere unilaterale alle società per vanificare le leggi e le politiche nazionali se riducono i profitti attesi dagli investitori. Lo spazio normativo legittimo degli Stati per stabilire politiche sociali pubbliche, proteggere i diritti umani e ritenere le società responsabili sono fondamentalmente indeboliti dal crescente potere aziendale, dalle acquisizioni delle imprese e dalle strutture di potere che cementano ulteriormente questo processo.

 

Le multinazionali sfruttano le idee del femminismo e dell’uguaglianza di genere per migliorare la loro immagine in alcuni paesi, mentre abusano sistematicamente dei diritti umani delle donne in altre parti del mondo. Prendiamo atto con notevole preoccupazione del fatto che l’emancipazione delle donne, una volta un’idea radicale femminista di trasformazione della società, è stata manipolata e ridotta a un’attenzione individualistica all’autostima, all’imprenditorialità e al consumismo.

 

Respingiamo questa propaganda di “femminismo aziendale” e “responsabilità sociale delle imprese”. Un’agenda limitata all’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata, avendo un maggior numero di donne in posizioni manageriali o di congedi parentali, non riesce ad affrontare l’abuso sistemico delle imprese nei confronti delle donne. Queste versioni neoliberali e corporative del femminismo rafforzano fondamentalmente la natura sfruttatrice del lavoro femminile sotto il capitalismo, non riescono a mettere in discussione il patriarcato e la supremazia bianca e fanno progredire la convinzione che la liberazione delle donne possa essere raggiunta all’interno del modello economico esistente.

 

Insistiamo sul fatto che un approccio strumentale all’uguaglianza di genere come mezzo per raggiungere la crescita economica, ignorando le violazioni dei diritti umani delle imprese, rafforzerà ulteriormente la discriminazione di genere, la povertà, lo sfruttamento del lavoro e determinerà crescenti disuguaglianze tra paesi, ricchi e poveri e tra uomini e donne.

 

Sappiamo che gli interessi commerciali interferiscono con le decisioni politiche. Le multinazionali detengono oggi più potere economico di molti Stati. La loro influenza politica e la presa di decisioni da parte delle multinazionali minacciano i diritti umani delle donne e minano gravemente le decisioni che dovrebbero essere prese nell’interesse pubblico, non per i profitti delle imprese.

 

➪Esortiamo gli Stati a smettere di erodere il loro dovere di disciplinare le economie e proteggere l’ambiente e le persone attraverso accordi commerciali e di investimento e di assumersi le proprie responsabilità nel proteggere i diritti umani, anche salvaguardando le istituzioni politiche dall’indebita influenza delle imprese, dal commercio e accordi di investimento.

 

➪Chiediamo agli Stati di intraprendere un’azione coraggiosa e responsabile per regolamentare le attività aziendali, prendere decisioni politiche e legali per dare priorità alle persone e all’ambiente rispetto agli interessi / profitti aziendali e promuovere l’uguaglianza di genere e i diritti umani delle donne indipendentemente dal genere, dalla razza, dall’etnia.

 

➪Facciamo appello a donne e alleate femministe in tutto il mondo per sostenere uno strumento internazionale giuridicamente vincolante per ritenere le aziende responsabili di violazioni dei diritti umani.

 

Insieme, ci uniamo agli sforzi per mobilitare per chiedere un trattato che riconosca gli impatti sproporzionati e specificatamente di genere degli abusi aziendali, che adotti un approccio di non discriminazione e giustizia di genere e che garantisca l’accesso delle donne alla giustizia e riconosca e protegga esplicitamente i Difensori dei Diritti Umani delle Donne contro il potere e l’impunità delle imprese, in difesa dei diritti, delle persone e della natura.

 

Leggi il testo originale e firma l’appello in inglese, in spagnolo o in francese

Tags:



Back to Top ↑