News

Ecuador: firmato il nuovo contratto con la Repsol YPF

13 marzo, 2009 | Redazione A Sud

Era prevista per ieri mattina la firma del nuovo contratto tra l'Ecuador e la Repsol sulle attività estrattive della multinazionale nel paese andino. All'ultimo momento la conferenza stampa era stata spostata e pareva non si potesse arrivare a siglare il nuovo contratto come previsto, per la mancata comparizione dei rappresentanti dell'impresa, dovuta al ritardo di documenti legali dell'impresa. E invece nelle prime ore del pomeriggio di ieri il presidente di Petroecuador Luis Jaramillo e l'amministratore della Repsol-YPF Ecuador S.A., Sergio Affronti, alla presenza del Ministro ecuadoriano per le Miniere e il Petrolio, si sono stretti la mano davanti alle telecamere poco dopo aver deposto la firma sul nuovo accordo, annunciato da mesi.

Conferenza ONU sulle droghe: Morales difende la foglia di coca

12 marzo, 2009 | Redazione A Sud

Il presidente della Bolivia Evo Morales ha partecipato a Vienna alla 52° Conferenza Internazionale dell'Agenzia Antidroga e Crimine dell'Onu, chiedendo all'Organizzazione delle Nazioni Unite la depenalizzazione della foglia di coca. Il Capo di Stato boliviano ha chiesto all'ONU di penalizzare il consumo della pasta base di cocaina, ma di depenalizzare l'uso della foglia di coca, ricordandone gli usi tradizionali nei paesi andini. Per dimostrare che il suo consumo non è nocivo per la salute ne ha masticato una foglia di fronte all'assemblea, tra gli applausi di molte delle delegazioni presenti.


Indigeni nel mirino

12 marzo, 2009 | Redazione A Sud

di Marica Di Pierri Ass. A Sud, uscito nella Rubrica TERRA TERRA su Il Manifesto del 10.03.2009 - Il 16 dicembre 2008 Aida Quilcuè era appena tornata in Colombia da Ginevra, dove aveva partecipato al Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. Aveva riferito con la determinazione di sempre sulle gravi violazioni dei diritti fondamentali di cui sono vittima le popolazioni originarie nel suo paese.


Produzione socioecologica per un nuovo modello socialista

12 marzo, 2009 | Redazione A Sud

L’ecosocialismo del ventunesimo secolo dovrà basare la sua proposta su nuove forme di coscienza produttiva. La forza produttiva non deve più risiedere nella terra, né nel capitale e neanche nel lavoro, bensì nel grado di coscienza collettiva, ecologica e sociale dei lavoratori. Una coscienza planetaria e di specie umana ulteriore a quella di classe. Per costruire questa nuova razionalità socioambientale è necessario, come dice Enrique Leff, «riesumare le condizioni ecologiche di sostenibilità e risvegliare dal letargo le sensibilità culturali, negate e ripudiate dall’egocentrismo e dalla megalomania della razionalità economica capitalista» (E. Leff).

Libertà e Giustizia per ATENCO – Campagna nazionale e internazionale

11 marzo, 2009 | Redazione A Sud

Alleghiamo l'appello della comunità di Atenco per una campagna nazionale ed internazionale per i prigionieri politici di Atenco e del mondo. "Invitiamo la società civile nazionale e internazionale, le donne e gli uomini, di tutte le età, di tutte le comunità del paese, di tutti i continenti del mondo, che risiedano nelle campagne o nelle città, di tutte le professioni, arti e mestieri, di qualsiasi orientamento e preferenza sessuale, tutte le persone, famiglie, gruppi, organizzazioni, reti e movimenti indigeni, sindacali, contadini, dei quartieri urbani, femministi, ambientalisti, a tutela dei diritti umani, studenteschi e religiosi che lottano per la libertà e la giustizia, ad aderire alla campagna nazionale e internazionale LIBERTA’ e GIUSTIZIA per ATENCO."


Salvare il pianeta o il capitalismo?

10 marzo, 2009 | Redazione A Sud

Nel novembre 2008, il presidente della Bolivia Evo Morales ha redatto un manifesto aperto dal titolo “Cambiamento climatico: è necessario salvare il pianeta dal capitalismo”. Morales vi esprime le richieste e le preoccupazioni di molti popoli, movimenti e organizzazioni riguardo alla crisi climatica e alle decisioni che stanno prendendo coloro che si fanno chiamare “nostri leaders”. Dato che una delle principali soluzioni emerse consiste nel rafforzare il ruolo delle istituzioni finanziarie internazionali (IFIs), come la Banca Mondiale, responsabili dell’elaborazione e della realizzazione di quelle politiche che sono alla radice stessa della crisi, è possibile chiedersi se l’obiettivo sia salvare il pianeta o il capitalismo.

Gaza, promessa una pioggia d’aiuti per la ricostruzione

9 marzo, 2009 | Redazione A Sud

Alla conferenza dei donatori di Sharm si paga il conto di «Piombo fuso». E i palestinesi non si fidano: varchi sempre chiusi, qui non arriverà nulla In arrivo 4 miliardi, ma Israele lascia passare solo 30 camion al giorno Hamas: scavalcare la nostra legittima autorità renderà tutto inutile. «Abbiamo aspettato la pioggia per mesi e ora che è arrivata ci ritroviamo nel fango». Azza Abed Rabbo ha perduto tutto ciò che possedeva per due volte nel giro di poche settimane. Prima, a gennaio, i carri armati e i soldati israeliani entrarono nel quartiere che porta il nome della sua famiglia allargata, alla periferia di Jabaliya, e la sua abitazione fu tra le prime a finire in macerie sotto i colpi delle cannonate. Poi, tre giorni fa, la pioggia è caduta incessante su tutta Gaza trasformando in una enorme palude il rione di Izzet Abed Rabbo.


«Antisemiti»: l’Italia diserta il vertice Onu sul razzismo

9 marzo, 2009 | Redazione A Sud

NAZIONI UNITE - Dopo il no di Stati uniti e Israele arriva quello di Frattini. Meglio non andarci, l'Italia si sfila da Durban II, la Conferenza sul razzismo che si apre a Ginevra il 21 aprile. Ad annunciarlo, durante il vertice Nato di Bruxelles, è il ministro degli esteri Franco Frattini. «L'Italia - ha detto Frattini - non parteciperà al prosieguo dei negoziati per la Conferenza di Durban II a causa di un testo di conclusioni che contiene parti totalmente inaccettabili». Il riferimento è ad «alcune frasi aggressive e di tipo antisemita» che «devono essere eliminate» dalla bozza, ha insistito il capo della diplomazia italiana. In questa maniera il governo si accoda a Stati uniti e all'Olanda, ricevendo in cambio il plauso di Israele, ma anche del Partito democratico, e le critiche, indirette, dell'Alto commissario Onu per i diritti umani.


Governabilità e cambiamento climatico

9 marzo, 2009 | Redazione A Sud

La chiave per affrontare nella maniera migliore le sfide del cambiamento climatico sta nella governabilità. A tutti gli attori in campo spetta il compito di valutare in che misura si stia costruendo la governabilità del cambiamento climatico. Il cambiamento climatico è una minaccia che tutti condividiamo pertanto tutti dobbiamo compiere gli sforzi necessari alla mitigazione e all’adattamento.


Back to Top ↑
  • STORIE DI ECONOMIA CIRCOLARE

  • Campagne

    • ICE EUROPEA STOP GLIFOSATO

      ICE EUROPEA STOP GLIFOSATO

      Cos’è il glifosato?   È l’erbicida più usato al mondo, prodotto dalla Monsanto, nonostante sia …
    • GUARDIANE DELLA TERRA

      GUARDIANE DELLA TERRA

      La salute delle donne è il futuro del pianeta. Una campagna nazionale per denunciare l'impatto …
    • CAMPAGNA CARTE IN REGOLA

      CAMPAGNA CARTE IN REGOLA

      CarteinRegola è un laboratorio di cittadini, associazioni e comitati che vuole lavorare sulle Regole. Le …
    • CAMPAGNA FERMIAMO IL NUCLEARE

      CAMPAGNA FERMIAMO IL NUCLEARE

      LA CAMPAGNA   Di fronte alla decisione del Governo di tornare ad investire sull’energia nucleare, …
    • CAMPAGNA ACQUA BENE COMUNE

      CAMPAGNA ACQUA BENE COMUNE

      La campagna L’acqua è, come l’aria, un elemento indispensabile per la sopravvivenza di ogni essere …
  • Pubblicazioni

  • Sostieni il nostro lavoro