News

Salvare il pianeta o il capitalismo?

10 marzo, 2009 | Redazione A Sud

Nel novembre 2008, il presidente della Bolivia Evo Morales ha redatto un manifesto aperto dal titolo “Cambiamento climatico: è necessario salvare il pianeta dal capitalismo”. Morales vi esprime le richieste e le preoccupazioni di molti popoli, movimenti e organizzazioni riguardo alla crisi climatica e alle decisioni che stanno prendendo coloro che si fanno chiamare “nostri leaders”. Dato che una delle principali soluzioni emerse consiste nel rafforzare il ruolo delle istituzioni finanziarie internazionali (IFIs), come la Banca Mondiale, responsabili dell’elaborazione e della realizzazione di quelle politiche che sono alla radice stessa della crisi, è possibile chiedersi se l’obiettivo sia salvare il pianeta o il capitalismo.

Gaza, promessa una pioggia d’aiuti per la ricostruzione

9 marzo, 2009 | Redazione A Sud

Alla conferenza dei donatori di Sharm si paga il conto di «Piombo fuso». E i palestinesi non si fidano: varchi sempre chiusi, qui non arriverà nulla In arrivo 4 miliardi, ma Israele lascia passare solo 30 camion al giorno Hamas: scavalcare la nostra legittima autorità renderà tutto inutile. «Abbiamo aspettato la pioggia per mesi e ora che è arrivata ci ritroviamo nel fango». Azza Abed Rabbo ha perduto tutto ciò che possedeva per due volte nel giro di poche settimane. Prima, a gennaio, i carri armati e i soldati israeliani entrarono nel quartiere che porta il nome della sua famiglia allargata, alla periferia di Jabaliya, e la sua abitazione fu tra le prime a finire in macerie sotto i colpi delle cannonate. Poi, tre giorni fa, la pioggia è caduta incessante su tutta Gaza trasformando in una enorme palude il rione di Izzet Abed Rabbo.


«Antisemiti»: l’Italia diserta il vertice Onu sul razzismo

9 marzo, 2009 | Redazione A Sud

NAZIONI UNITE - Dopo il no di Stati uniti e Israele arriva quello di Frattini. Meglio non andarci, l'Italia si sfila da Durban II, la Conferenza sul razzismo che si apre a Ginevra il 21 aprile. Ad annunciarlo, durante il vertice Nato di Bruxelles, è il ministro degli esteri Franco Frattini. «L'Italia - ha detto Frattini - non parteciperà al prosieguo dei negoziati per la Conferenza di Durban II a causa di un testo di conclusioni che contiene parti totalmente inaccettabili». Il riferimento è ad «alcune frasi aggressive e di tipo antisemita» che «devono essere eliminate» dalla bozza, ha insistito il capo della diplomazia italiana. In questa maniera il governo si accoda a Stati uniti e all'Olanda, ricevendo in cambio il plauso di Israele, ma anche del Partito democratico, e le critiche, indirette, dell'Alto commissario Onu per i diritti umani.


Governabilità e cambiamento climatico

9 marzo, 2009 | Redazione A Sud

La chiave per affrontare nella maniera migliore le sfide del cambiamento climatico sta nella governabilità. A tutti gli attori in campo spetta il compito di valutare in che misura si stia costruendo la governabilità del cambiamento climatico. Il cambiamento climatico è una minaccia che tutti condividiamo pertanto tutti dobbiamo compiere gli sforzi necessari alla mitigazione e all’adattamento.

8 Marzo: una festa che ha ormai 100 anni, ma ancora molta strada da fare

8 marzo, 2009 | Redazione A Sud

L'8 marzo: una data significativa che celebra la festa internazionale della donna e rende omaggio alle conquiste raggiunte sul piano economico, politico e sociale dalle donne di tutto il mondo. Nonostante sia nata come una giornata di lotta femminista e di ribellione contro le vessazioni subite nel corso dei secoli, l'8 marzo ha visto sfumare negli ultimi anni il valore profondo della sua celebrazione per assumere un connotato piu' strettamente commerciale e politico. Ma a quando risale la prima celebrazione della Festa delle donne? Tutto inizio' il 3 maggio del 1908 al Garrick Theater di Chicago, dove si sarebbe dovuta svolgere la consueta conferenza domenicale delle donne del partito socialista. Ma quel giorno il moderatore dell'evento non si presento' e le donne decisero di 'festeggiare' comunque la loro presenza con una giornata dedicata alla donna.


Manifesto ecosocialista

6 marzo, 2009 | Redazione A Sud

di Michael Lowy e Joel Kovel -  L’attuale sistema capitalistico non è in grado di regolare, né tanto meno superare, le crisi che ha scatenato. Non è in grado di risolvere la crisi ecologica, perché questo richiederebbe di porre dei limiti all’accumulazione, un’opzione inaccettabile per un sistema promosso a partire dalla massima “crescere o morire!” In termini ecologici è profondamente insostenibile e deve essere cambiato in modo sostanziale – o meglio ancora, rimpiazzato – se vogliamo che ci sia un futuro degno di essere vissuto.


Sette sorelle da record

5 marzo, 2009 | Redazione A Sud

Mentre tutto il mondo è in crisi le sette sorelle del petrolio EXXON Mobil, Shell, Chevron, BP, Total, Conoco Phillips, Eni continuano a fare profitti record. Nell´anno 2008, i sette grandi gruppi padroni del mercato del greggio hanno guadagnato 171 miliardi di dollari netti. Fanno 470 milioni al giorno, il 14% più dell´anno prima. Che già era il 7% più del 2006, e il 6% sopra l´anno addietro.
 Il mondo vive la crisi più grave degli ultimi cinquant’anni, il livello di vita scende per milioni di persone, eserciti di disoccupati si preparano a riempire le nostre città, i poveri diventano sempre più poveri e il “ceto medio” precipita verso il basso.


AIE: c’è petrolio sufficiente da distruggere il mondo

5 marzo, 2009 | Redazione A Sud

Il nuovo e atteso rapporto dell'Agenzia Internazionale dell'Energia (AIE) dice che il consumo di energia aumenterà nei prossimi anni. Presenta dubbi sul prezzo futuro del petrolio e della capacità per estrarlo. E dice anche che tutto questo farà aumentare la temperatura mondiale di 6° centigradi. La domanda è: Chi vivrà per confermarlo?


Crisi alimentare: catastrofico calo nella produzione di alimenti

4 marzo, 2009 | Redazione A Sud

L'analisi che segue indaga sulle conseguenze della siccità sulla produzione di alimenti in varie aree del mondo nel corso del 2009. Guardando i dati, il 2009 sembra essere un disastro umanitario in gran parte del mondo.
I paesi che rappresentano i due terzi della produzione agricola del mondo soffrono la siccità. Se si guarda un video della siccità in Cina, Australia, Africa, Sudamerica o Stati Uniti, la scena è la stessa; miseria, raccolti rovinati, e bestiami moribondi.


Honduras: settori indigeni e popolari a difesa dei boschi

3 marzo, 2009 | Redazione A Sud

Il “Consiglio Civico delle organizzazioni popolari e indigene dell’Honduras” (COPINH) continua la sua battaglia contro la distruzione dei boschi nei territori indigeni Lencas dell’Honduras. Da due settimane le popolazioni indigene manifestano chiudendo le strade per impedire il passaggio del legname, e ripetono che le loro azioni continueranno e verranno, anzi, rafforzate.


Back to Top ↑