Caso Alpi, parla ex Gladio: lo 007 Jupiter le fece perdere il volo, la fonte era il maresciallo Li Causi

1[E- Canepa, A. Musella, P. Pace con il contributo di S. Biazzo, P. Giammona, S. Tommasi su fanpage.it] Ilaria Alpi e Miran Hrovatin sono stati uccisi il 20 marzo del 1994 a Mogadiscio in Somalia.
I due giornalisti stavano indagando su un traffico di armi e rifiuti tossici tra l’Italia e la Somalia con la complicità delle forze di sicurezza italiane. A 22 anni di distanza non si conoscono ancora movente ed esecutori del duplice omicidio. I giornalisti di Fanpage hanno incontrato una fonte anonima, un ex appartenente alla struttura segreta paramilitare Gladio, che aveva il compito di impedire la vittoria del Partito Comunista in Italia fino all’inizio degli anni novanta con la complicità dei servizi segreti e delle forze della NATO. La nostra fonte ricostruisce gli ultimi giorni di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, individua nel maresciallo del SISMI Vincenzo Li Causi la loro fonte principale di informazioni. Dal racconto emerge che l’uomo chiave degli ultimi giorni di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin è stato Giuseppe Cammisa detto “Jupiter”, mai ascoltato né dai magistrati né dalla commissione parlamentare d’inchiesta. Fanpage.it ha trovato Giuseppe Cammisa in Ungheria dove vive e lavora da diversi anni.

 

Pubblicato su fanpage.it il 20 luglio 2016