LA CAMPAGNA

Le mani sporche di CHEVRON sul pianeta

L’Unione delle comunità ecuadoriane inquinate dalla Chevron (UDAPT) ha lanciato nel 2014 la campagna internazionale Anti-Chevron, per denunciare gli impatti devastanti, in termini ambientali, sociali e sanitari, delle attività estrattive del colosso americano.

La campagna riunisce decine di organizzazioni sociali e ambientaliste di tutto il mondo e porta avanti in maniera coordinata attività di informazione, sensibilizzazione, denuncia, pressione istituzionale e mobilitazione sulle responsabilità sociali ed ambientali della multinazionale nordamericana.

Dal 2014 ogni anno il 21 maggio si celebra la giornata mondiale contro la Chevron: una grande iniziativa di mobilitazione e sensibilizzazione. Comunità locali vittime degli impatti ambientali, associazioni di solidarietà e difesa dei diritti dei cittadini e organizzazioni per la giustizia ambientale di tutto il mondo organizzano iniziative per chiedere risarcimento per i crimini e le devastazioni ambientali causati dalla Chevron in decenni di selvaggia estrazione petrolifera in tutti i continenti.

UNISCITI ALLA CAMPAGNA!

ADERISCI ALL'APPELLO

Fai parte di un gruppo informale o di una associazione?

ADERISCI ALL’APPELLO “MAI PIU CRIMINI D’IMPRESA” (SCARICA QUI)

Per aderire manda una email a: luciegreyl@asud.net

SOSTIENI

Sostieni le comunità colpite dalla Chevron! Fai una donazione all’UDAPT

Nome Banca: BANCO PACÍFICO

Conto corrente n. 7485379

Beneficiario: SERVICIOS FROMBOLIERE CIA LTDA

Codice SWIFT: PACIECEG

PER APPROFONDIRE

La giornata internazionale #AntiChevron nasce nel 2014 come iniziativa delle comunità colpite dagli impatti della Chevron nell’Amazzonia Ecuadoriana.

Dal 1964 al 1992 la multinazionale ha sversato più di 60 miliardi di litri di rifiuti tossici e 650.000 barili di petrolio in un area di 1,5 milioni di ettari nella foresta Amazzonica Ecuadoriana. 30.000 persone tra contadini e popoli indigeni sono coinvolti da più di 22 anni in un percorso legale contro la multinazionale per chiedere giustizia e attuare misure di ripristino ambientale della vasta area contaminata.

Condannata a un risarcimento di 9 miliardi di dollari dalla Tribunale di Lago Agrio in Ecuador, l’impresa si rifiuta di assumere le proprie responsabilità.

La multinazionale è attiva in 29 paesi e opera nei settori dell’estrazione, della trasformazione e del trasporto di energie fossili.

Grazie al lavoro collaborativo tra università, organizzazioni per la giustizia ambientale e comunità colpite sono stati identificati oltre 30 casi di conflitti ambientali nel mondo generati dall’impresa.

Visita e diffondi la mappa dei conflitti generati dalla Chevron!

LOGO

MATERIALI

SITO WEB

E-MAIL DI CONTATTO

SOCIAL NETWORK